martedì, 20 feb 2018 14:16

Vai all'archivio
Stampa Invia

Disabili, Giuliano chiede incontro con Ministro Istruzione

24 settembre 2015, 18:47

Il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Basilicata, sottolineando la problematica inerente il numero considerevole dei disabili presenti nella scuola lucana, ha anche sollecitato “un costante rapporto tra tutti i soggetti interessati al problema”

(ACR) - Il Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Basilicata, Vincenzo Giuliano, chiederà al Garante nazionale di intervenire sul Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca (Miur), Stefania Giannini, perchè sia convocato un tavolo sulle numerose questioni che riguardano l'assistenza ai disabili con particolare riferimento alla situazione lucana. Oggi, intanto, si è svolto un vertice, nella sede del Garante in Consiglio regionale, con la partecipazione dell'assessore all'Istruzione del Comune di  Potenza, Annalisa Percoco, della dottoressa Moscato dell'Ufficio scolastico regionale, di funzionari ed esponenti dei vari dipartimenti regionali interessati al problema dei disabili nella scuola. Qualificata la presenza di dirigenti scolastici ed esperti del settore.

“Attraverso un contatto diretto con la struttura nazionale – ha rilevato Giuliano – sarà, infatti, più facile mettere a fuoco le possibili  soluzioni da attuare dopo varie sessioni di  incontri che si sono susseguiti negli ultimi tempi”.

"Gli ostacoli maggiori - secondo quanto riferito nel corso dei lavori - riguardano segnatamente la mancanza di risorse da parte degli Enti locali e di assistenti di base da parte delle scuole, cosa che non consente di assecondare in pieno i problemi posti dalla presenza dei disabili. Il caso di una scuola di Potenza con undici plessi e una disponibilità di bidelli (anche assistenti di base) del tutto inadeguata rappresenta uno degli esempi negativi di maggior rilievo. Uno dei percorsi suggeriti dal Garante consiste nella richiesta della bozza degli accordi di programma per individuare le specifiche competenze e il percorso seguito dalla stessa Regione".

“Importante, inoltre – ha fatto rilevare il Garante - il coinvolgimento delle famiglie, mentre appare indispensabile ‘fare sistema’ tra tutte le entità che operano in questo campo. Il tema specifico dell'autismo, inoltre - ha sottolineato Giuliano - va affrontato con una apposita legge adeguatamente dotata di sufficienti poste finanziarie”.

Sollecitata, infine, una Cabina di regia in grado di assicurare il collegamento tra la scuola e gli Enti pubblici. Non solo. Ma anche con lo scopo di garantire un giro d'orizzonte continuo in ordine alle problematiche emergenti. Obiettivo che dovrà  perseguire anche l'ipotesi di Protocollo d'Intesa tra tutti i soggetti interessati a dare un apporto costruttivo al problema dell'inserimento dei disabili nel mondo della scuola. 

dt

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

“Papaveri e papere”, l’invito di Giuliano a vedere il corto

Per il Garante, che ha scritto ai dirigenti scolastici degli istituti della provincia di Potenza e Matera, l’opera dalla regista Adelaide De Fino porta un messaggio importante, l’esortazione a non trasportare le ambizioni dei grandi sui piccoli

CITTADINANZA ATTIVA, VISITA SCUOLA POTENZA

In Consiglio i ragazzi dell’Istituto “Torraca Bonaventura”

“Facciamo scuola”, Leggieri e Perrino al “Fermi” di Policoro

I consiglieri regionali del Movimento cinque stelle hanno partecipato alla presentazione del bilancio sociale dell’istituto, dove è stata presentata anche un’iniziativa didattica finanziata con il taglio delle loro indennità

Dimensionamento scolastico, Pace: la scuola esce rafforzata

Per l’esponente del Gruppo misto “pur nei ristretti ambiti di manovra, il Piano è sicuramente migliorabile e rappresenta un punto di partenza su cui continuare a lavorare per programmare quel futuro a cui la scuola e le istituzioni devono tendere”