venerdì, 24 feb 2017 20:45

Vai all'archivio
Stampa Invia

Ex Arbea, Liuzzi e Leggieri: quali controlli ha svolto Agea?

12 dicembre 2016, 15:40

La parlamentare e il capogruppo in Consiglio regionale chiedono anche “quale sia la situazione attuale sul debito di 86 milioni di euro contestato all’Italia dall’Unione Europea per le irregolarità dell’ex l’organismo pagatore”

(ACR) - “Non si sa ancora nulla degli 86 milioni di euro che l’Italia dovrebbe pagare all’Europa per una sanzione da parte della Commissione europea dovuta alla cattiva gestione dei fondi europei in agricoltura da parte dell’ex Arbea, l’organismo pagatore regionale in Basilicata, sottoposta a indagine giudiziaria per i reati di falso e truffa”. Lo affermano in una nota congiunta Mirella Liuzzi, deputata del Movimento cinque stelle, e il capogruppo in Consiglio regionale Gianni Leggieri, , che sull'argomento hanno presentato delle interrogazioni rispettivamente al Ministro dell'Ambiente e in Regione.

“Le irregolarità contestate all’ex Arbea riguarderebbero sia casi di persone che hanno usufruito dei fondi europei dichiarando di possedere dei terreni che di fatto non avevano sia casi di mancanza di corrispondenza tra coltivazioni esistenti rispetto a quelle dichiarate”, affermano Liuzzi e Leggieri che chiedono al Governo di chiarire “quale sia la situazione attuale sul debito di 86 milioni di euro contestato all’Italia dall’Unione Europea per le irregolarità dell’ex Arbea (l’organismo pagatore regionale in Basilicata); quali attività di controllo abbia svolto in merito l’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea) che, in base a quanto previsto appunto dall'articolo 2 dal Regolamento (UE) n. 908/2014, dovrebbe supervisionare costantemente l’attività dei suoi organismi pagatori regionali; quali iniziative abbia assunto Agea nei confronti di tutte quelle pratiche afferenti alle frodi comunitarie, e se risulti siano stati attivati presso gli organismi pagatori regionali e le Regioni i registri debitori con il relativo recupero delle somme indebitamente percepite.

“Il caso della Basilicata, viste anche le notizie di stampa di questi giorni sul caos dei fondi Psr Feasr 2007-2013 – concludono i due esponenti del Movimento cinque stelle - , rischia infatti di essere solo la punta dell’iceberg. Eppure presso la Presidenza del Consiglio dei ministri esiste un ‘Comitato per la lotta contro le frodi comunitarie’. Quali attività svolge? Oltre che sull'attività di controllo di Agea, ci aspettiamo pertanto che il Governo rendiconti al più presto anche sui risultati finora raggiunti da quest’ultimo”. 

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Derivati, M5s: “Una scommessa a perdere”

Leggieri e Perrino: “Fa davvero rabbia, in un periodo nel quale il ritornello è ‘non ci sono i soldi’, prendere atto di questo enorme sperpero di denaro. Quaranta milioni di euro ormai andati in fumo e sui quali non sono ancora emerse le responsabilità”

Rendina Ambiente, Leggieri: serve intervento politico

Il consigliere del M5 commenta l’approvazione della sua mozione sulla crisi occupazionale dell’azienda per l’istituzione di un tavolo di concertazione presso la Regione Basilicata e la riqualificazione della forza lavoro

Diga del Rendina, Robortella: bene recuperare la struttura

Per il presidente della terza Commissione “è obiettivo strategico della Regione Basilicata recuperare un invaso che potrebbe portare benefici a tutto il territorio circostante”

CANONI IRRIGUI, CASTELLUCCIO: NO A NUOVO TRIBUTO

“Bisogna trovare soluzioni politiche e normative”