sabato, 27 mag 2017 23:23

Vai all'archivio
Stampa Invia

Ex Arbea, Liuzzi e Leggieri: quali controlli ha svolto Agea?

12 dicembre 2016, 15:40

La parlamentare e il capogruppo in Consiglio regionale chiedono anche “quale sia la situazione attuale sul debito di 86 milioni di euro contestato all’Italia dall’Unione Europea per le irregolarità dell’ex l’organismo pagatore”

(ACR) - “Non si sa ancora nulla degli 86 milioni di euro che l’Italia dovrebbe pagare all’Europa per una sanzione da parte della Commissione europea dovuta alla cattiva gestione dei fondi europei in agricoltura da parte dell’ex Arbea, l’organismo pagatore regionale in Basilicata, sottoposta a indagine giudiziaria per i reati di falso e truffa”. Lo affermano in una nota congiunta Mirella Liuzzi, deputata del Movimento cinque stelle, e il capogruppo in Consiglio regionale Gianni Leggieri, , che sull'argomento hanno presentato delle interrogazioni rispettivamente al Ministro dell'Ambiente e in Regione.

“Le irregolarità contestate all’ex Arbea riguarderebbero sia casi di persone che hanno usufruito dei fondi europei dichiarando di possedere dei terreni che di fatto non avevano sia casi di mancanza di corrispondenza tra coltivazioni esistenti rispetto a quelle dichiarate”, affermano Liuzzi e Leggieri che chiedono al Governo di chiarire “quale sia la situazione attuale sul debito di 86 milioni di euro contestato all’Italia dall’Unione Europea per le irregolarità dell’ex Arbea (l’organismo pagatore regionale in Basilicata); quali attività di controllo abbia svolto in merito l’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea) che, in base a quanto previsto appunto dall'articolo 2 dal Regolamento (UE) n. 908/2014, dovrebbe supervisionare costantemente l’attività dei suoi organismi pagatori regionali; quali iniziative abbia assunto Agea nei confronti di tutte quelle pratiche afferenti alle frodi comunitarie, e se risulti siano stati attivati presso gli organismi pagatori regionali e le Regioni i registri debitori con il relativo recupero delle somme indebitamente percepite.

“Il caso della Basilicata, viste anche le notizie di stampa di questi giorni sul caos dei fondi Psr Feasr 2007-2013 – concludono i due esponenti del Movimento cinque stelle - , rischia infatti di essere solo la punta dell’iceberg. Eppure presso la Presidenza del Consiglio dei ministri esiste un ‘Comitato per la lotta contro le frodi comunitarie’. Quali attività svolge? Oltre che sull'attività di controllo di Agea, ci aspettiamo pertanto che il Governo rendiconti al più presto anche sui risultati finora raggiunti da quest’ultimo”. 

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Crisi agricola, Castelluccio incontra produttori Montalbano

Costi aziendali e fiscali e crollo dei prezzi dei prodotti ortofrutticoli al centro del confronto

Macellazione aziendale, il Consiglio approva disposizioni

Il testo, proposto da Romaniello (Gm), Cifarelli e Miranda Castelgrande (Pd), permetterà ad aziende zootecniche ed agriturismi la macellazione e la vendita diretta di quantità minime di ovini, caprini, suini, e bovini di età non superiore ai 24 mesi

Blocco irrigazione a S. Arcangelo, Rosa: intervenire subito

Per il capogruppo Lb-Fd “sembra che i vertici dell’Ente irrigazione abbiano abbandonato gli agricoltori della zona che stanno subendo notevoli danni alle colture rimaste da sette giorni a secco d’acqua”. Il caso riguarda anche Roccanova

TRIBUTO EIPLI, NAPOLI: NON PUO' ESSERE RETROATTIVO

Lo spiega il capogruppo Pdl-Fi in una conferenza stampa