domenica, 21 gen 2018 23:38

Vai all'archivio
Stampa Invia

Rendina Ambiente, Leggieri: serve intervento politico

08 febbraio 2017, 13:33

Il consigliere del M5 commenta l’approvazione della sua mozione sulla crisi occupazionale dell’azienda per l’istituzione di un tavolo di concertazione presso la Regione Basilicata e la riqualificazione della forza lavoro

(ACR) - “Da oltre un anno assistiamo ad un braccio di ferro tra la Rendina Ambiente srl, società proprietaria di quello che è conosciuto come l’inceneritore Fenice di San Nicola di Melfi e i lavoratori. Si tratta di un braccio di ferro che riguarda le condizioni lavorative e i contratti. Attualmente, infatti, la Rendina Ambiente srl ha ‘imposto’ un contratto di solidarietà, dopo aver usufruito della cassa integrazione e dopo aver provveduto a diversi licenziamenti”. E’ quanto dichiarato dal consigliere regionale del Movimento cinque stelle, Gianni Leggieri.

“La posizione del Movimento cinque stelle rispetto all’inceneritore Fenice è nota a tutti – dice Leggieri - ed è fortemente critica, ma ciò non toglie che siamo dalla parte dei lavoratori e abbiamo il dovere di occuparci del loro futuro e delle loro famiglie. Non sono solamente le condizioni di lavoro a preoccuparci, ma più in generale la situazione di crisi che l’azienda richiama periodicamente per giustificare licenziamenti e l’utilizzo di strumenti contrattuali che penalizzano gli operai”.

“I lavoratori – continua Leggieri - temono per il loro futuro e chiedono un intervento della politica e la politica non può rimanere indifferente. Non abbiamo assolutamente pensato a interventi di tipo assistenziale, ma abbiamo ritenuto doveroso impegnare la Giunta regionale ad istituire un tavolo di concertazione presso la Regione con la partecipazione di azienda e lavoratori per discutere della situazione occupazionale. Nel contempo, con la stessa mozione, abbiamo chiesto alla Regione di predisporre tutte quelle misure necessarie ed idonee alla riqualificazione della forza lavoro già oggetto di provvedimenti di licenziamento ed eventualmente di quella che dovesse subire stessa sorte”.
 

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

LAVORO, M5S: METTERE FINE A POLITICHE DI EMERGENZA

“Fca, Blutec, Argaip e Datacontact esempi scottanti”

Vertenze lavoratori, M5s: mettere fine a politiche emergenza

Per i consiglieri regionali Perrino e Leggieri i casi Fca, Blutec, Argaip e Datacontact “sono solo alcune delle emergenze scottanti che si alternano su tutto il territorio regionale, frutto di scelte scellerate, adottate senza alcuna visione del futuro”

Gioco d’azzardo, M5s: bruciati oltre 750 milioni nel 2016

Per Perrino e Leggieri “i Sindaci e amministratori comunali non dovrebbero avere tentennamenti e attivarsi per rendere effettiva l’applicazione della L.R. 30/2014, sulle misure per il contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico”

Fca Melfi e indotto, Leggieri: fare chiarezza sul futuro

Il consigliere regionale del M5s: “Confronto non rinviabile, il Consiglio regionale approvi la nostra mozione sul futuro Fca di Melfi e indotto”

LEGGIERI: CHIAREZZA SU FUTURO FCA MELFI E INDOTTO

Presentate quattro mozioni del Movimento cinque stelle

LEGGIERI: PERCHE' E' CHIUSO IL MUSEO DI LAGOPESOLE?

Interrogazione dell’esponente M5s al presidente Pittella