sabato, 27 mag 2017 23:24

Vai all'archivio
Stampa Invia

Mollica incontra comitato di gestione fondo volontariato

09 febbraio 2017, 15:18

Il presidente del Consiglio regionale ha evidenziato la necessità di sostenere il volontariato “per incentivarne la cultura, oltre che la solidarietà, di cui il popolo lucano continua a dare dimostrazione attraverso le più svariate iniziative”

© 2013 - 9.2.2017_ Il presidente Mollica con i rappresentanti del Coge

© 2013 - 9.2.2017_ Il presidente Mollica con i rappresentanti del Coge

(ACR) - Il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Francesco Mollica, ha incontrato oggi a Potenza i componenti dell’ufficio di presidenza del comitato di gestione del Fondo speciale per il volontariato, recentemente riconfermati nell’incarico. Il presidente Massimo Savino, il vice presidente vicario Antonio Papaleo, la vice presidente Raffaella Ferro e il segretario Nicola Cataldo hanno informato Mollica sull’attività svolta e su quella in programma. “Un incontro non semplicemente rituale e quale atto dovuto verso l’istituzione regionale – hanno detto i rappresentanti del Coge - ma inteso a ribadire al massimo consesso democratico del territorio, l’importanza che riveste il volontariato in Basilicata, grazie alla sua capillare e diffusa presenza nei diversi ambiti di azione, capace spesso di coprire carenze e disfunzioni proprie di un tessuto sociale alquanto disarticolato”.

“Al centro dell’agenda politica il volontariato non sarà un aspetto marginale – ha detto Mollica - l’evoluzione del mondo del volontariato e il contesto socioculturale di oggi mettono in maggiore risalto la necessità di sostenerlo per incentivarne la cultura, oltre che la solidarietà, di cui il popolo lucano continua a dare dimostrazione attraverso le più svariate iniziative. Importante anche il sostegno ai progetti delle organizzazioni al fine di facilitare l’adesione un numero maggiore di persone alle attività di volontariato”.

“Un universo quello del volontariato, che continua a reggersi grazie al solo contributo economico delle Fondazioni di origine bancaria, di cui la Basilicata ne è priva – hanno detto i rappresentanti del Comitato - di supporto all’attività intelligente e professionalmente elevata del Centro servizi al volontariato, ma che va sempre più assottigliandosi e che potrebbe ulteriormente aggravarsi in presenza della riforma del terzo settore, attualmente in itinere; una riforma che interesserebbe lo stesso Comitato di gestione di Basilicata, in quanto chiamato ad essere inglobato in un organismo interregionale, con l’ovvia prospettiva di vedere fagocitate le necessità e le peculiarità presenti sul territorio lucano”.

“Il Coge Basilicata – hanno aggiunto - continuerà come sempre a fare la propria parte convinto che le istanze del volontariato sapranno prevalere sulle logiche dei tagli e delle razionalizzazioni, anche se necessarie, auspicando e sollecitando attenzione da parte della massima assise regionale, così come è già accaduto attraverso i riconoscimenti intervenuti in occasione del recente varo del nuovo Statuto regionale”. 

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Il 22 maggio si celebra la “Giornata dei lucani nel mondo”

A Torino, dove il Consiglio regionale partecipa al salone...

Vitalizi, Mollica: norme ragionevoli e condivise

Il presidente commenta l’approvazione delle norme che prevedono un contributo di solidarietà di circa 330 mila euro in tre anni. “Il Consiglio regionale conferma la sua attenzione al tema del contenimento dei costi della politica”

CITTADINANZA ATTIVA, VISITA SCUOLE POTENZA E LAURIA

Hanno incontrato Pittella, Mollica e Giuliano

Crisi Venezuela, Mollica e Pace scrivono ad Alfano

In una lettera al ministro degli Esteri ed al console italiano a Caracas, il presidente del Consiglio regionale e il presidente della Crlm esternano le loro preoccupazioni per i numerosi lucani residenti nel Paese sudamericano