lunedì, 24 apr 2017 21:05

Vai all'archivio
Stampa Invia

Unibas, Lacorazza: vitale firmare accordo triennale

17 febbraio 2017, 11:12

Per il consigliere del Partito democratico: “E’ vitale firmare l'accordo triennale con l'Università della Basilicata. È il segnale immediato che è necessario cogliere dalle parole della Magnifica rettrice Aurelia Sole ascoltata ieri in quarta Commissione”

(ACR) - “Un anno fa – ricorda Lacorazza - con l'associazione Duemila19 presentammo con il prof . Viesti, il rapporto della Fondazione RES sul declino della Università italiana. Abbiamo continuato senza sosta poiché avvertivamo il pericolo per il nostro piccolo Ateneo: il tema è stato portato nella Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative riunitasi a Matera, poi una mozione proposta ed approvata in Consiglio regionale e interrogazione successiva per verificarne l'attuazione”.

“Ci vuole un sussulto della politica – sottolinea Lacorazza - ci vuole un colpo di reni dei Presidenti delle Regioni del Sud, poichè lo stato delle Università è parte rilevante dalla 'questione' meridionale. Nel 2019 Matera sarà capitale Europa della cultura e Napoli sede delle Universiadi. Ci vogliono più fondi per le Università e diversi criteri di riparto o scelte adeguate per evitare il cortocircuito ed il paradosso tra bassa tassazione per gli studenti e riduzione di risorse a disposizione dell'Ateneo. In questo contesto si rende urgente – puntualizza il consigliere del Pd - nel quadro nazionale penalizzante (che va cambiata sia per dotazione che per criteri di attribuzione del FFO), procedere a: firmare l'accordo triennale previsto dalla legge di sostegno all’Unibas; trasferire le risorse visto che il debito della Regione verso Unibas veleggia in un mare di circa 40 ml di euro; liberare risorse per i pagamenti visto l'art. 36 della legge 'Sblocca Italia' e il nuovo contesto normativo del patto di stabilità; valutare per il prossimo triennio l'eventuale aumento di risorse messe a disposizione per l'Università e il diritto allo studio, visto che dal 2019, in virtù di accordi fatti, ci saranno nuove royalties nel bilancio regionale. Anche per effetto di un indirizzo dato su nostra proposta – continua Lacorazza - dal Consiglio regionale alla Giunta si mettano a conoscenza tempi, modalità e risorse (ex carta carburante) per sostenere la Università della Basilicata nella strategia Industria 4.0.”.

“Non c'è dubbio – afferma Lacorazza - che tutti sono chiamati a svolgere il proprio ruolo nell'esercizio e del rispetto delle diverse autonomie; tuttavia si è chiamati a corrispondere  il massimo della responsabilità, della chiarezza e della qualità per ciò che rappresenta e può rappresentare la nostra Università sia in termini culturali che sociali. Infine – conclude - ripropongo l'idea di due Conferenze cittadine a Potenza e Matera poiché i luoghi che ospitano le Università sono fondamentali così come la necessità di interagire con la nuova organizzazione del sistema del trasporto regionale”.

dt

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Stato attuazione L.R. 2/2017, interrogazione di Lacorazza

Interrogazione all’Assessore alle Politiche della Persona, Flavia Franconi, riguardante lo stato di attuazione della L.R. 2/2017 di Riordino del Sistema Sanitario regionale e la sospensione dell’attività operatoria presso l’ospedale di Villa d’Agri

Bilancio 2017/2019 Consiglio regionale, sì da II Commissione

Approvati anche documenti contabili dell’Ater di Matera: bilancio di previsione 2017, autorizzazione allo scomputo di crediti inesigibili e programma di reinvestimento dei proventi derivanti dalla vendita di alloggi

DIFESA CIVICA IN BASILICATA, UN ANNO DI ATTIVITÀ

I dati illustrati da Fiordelisi e Mollica ai giornalisti

Consorzi di Bonifica, Lacorazza chiede soluzioni immediate

“Sul tavolo proposte fatte da tempo tanto sulla riorganizzazione della governance del sistema idrico quanto sulla missione dei Consorzi di Bonifica. Occorre grattare il fondo per anticipazioni ed approvare prima possibile il bilancio della Regione”