martedì, 25 lug 2017 12:42

Vai all'archivio
Stampa Invia

Par condicio, le regole dell’informazione istituzionale

27 marzo 2017, 15:31

Fino al 28 maggio 2017, data in cui è previsto il referendum su alcune norme del Jobs Act, gli Uffici Stampa della Giunta e del Consiglio regionale regolamenteranno la propria attività

(ACR) - Gli uffici stampa della Giunta e del Consiglio regionale della Basilicata, in ossequio alle disposizioni contenute nelle leggi n. 28/2000 (art. 9) e n. 313/2003 e così come comunicato al Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni), hanno convenuto di regolamentare la propria attività giornalistica nel periodo della campagna referendaria (fino al 28 maggio 2017) nel seguente modo:

1 – i comunicati stampa saranno redatti in forma tale da non influire sulla par condicio fra le diverse posizioni che si confrontano sul referendum; sarà quindi privilegiata l’informazione in forma impersonale e indispensabile per l’efficace assolvimento delle funzioni della comunicazione pubblica, ed in particolare sarà data notizia:

• dei provvedimenti esaminati e/o licenziati dalla Giunta e dal Consiglio regionale;
• dei provvedimenti esaminati e/o licenziati dalle Commissioni consiliari;
• di dichiarazioni di esponenti della Giunta e del Consiglio regionale sui provvedimenti esaminati o licenziati dalla Giunta, dal Consiglio o dalle Commissioni;
• di dichiarazioni di esponenti della Giunta e del Consiglio regionale in merito all’attività ispettiva e di controllo;
• di dichiarazioni di esponenti della Giunta e del Consiglio regionale in merito a vicende politiche nazionali e locali che non influiscano sulla par condicio fra le diverse posizioni che si confrontano sul referendum;

nel periodo indicato in premessa non saranno redatti dagli Uffici Stampa della Giunta e del Consiglio regionale comunicati e notizie relativi a dichiarazioni, annunci di incontri e dibattiti che possano influire sulla par condicio;
le notizie prodotte dagli Uffici stampa della Giunta e del Consiglio regionale sull’attività istituzionale sono riconoscibili perché recano fra parentesi le sigle Agr (Agenzia Giunta Regionale) e Acr (Agenzia Consiglio regionale);

2 – nei servizi e nelle notizie del tg web non saranno riportate interviste e dichiarazioni in voce ed in video degli esponenti politici che possano influire sulla par condicio;

3 - le altre notizie diffuse sui siti web della Regione (www.regione.basilicata.it, www.consiglio.basilicata.it, www.basilicatanet.it,) saranno pubblicate in forma tale da non influire sulla par condicio;

4 - le notizie pubblicate in forza di convenzioni o contratti con fonti esterne sono di proprietà delle medesime fonti informative (Ansa, ecc.) e gli uffici stampa della Regione non sono responsabili del contenuto informativo che esse propongono; le notizie in questione sono riconoscibili perché recano nel titolo fra parentesi il nome dell’Agenzia di stampa che le ha prodotte. 

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Leggieri: da Lacorazza fiumi di parole ma nessuna risposta

Il capogruppo M5s Basilicata risponde alla replica di Lacorazza (Pd): "Continua il consigliere a spostare l’attenzione su un referendum che ha visto la partecipazione del popolo lucano e che non è stato di certo il suo referendum".

Ex Rina/Sis, Lacorazza: scongiurare rischio licenziamento

Il consigliere regionale del Pd interviene sul mancato accordo dei lavoratori ex Rina/Sis per riassunzione presso la Maersk al centro Oli di Viggiano

Pd, Lacorazza: “Resto e auguro buon congresso a tutti”

Per il consigliere regionale del Pd “c'è da superare una fase politica anche in Basilicata. Negli ultimi anni, si è dimostrata una scarsa propensione al futuro contribuendo ad alimentare una crisi di fiducia tra regione e popolo”

PAR CONDICIO, MOLLICA: ADEGUARE LE NORME

“Nell’era del web serve una nuova regolamentazione”