domenica, 20 ago 2017 09:49

Vai all'archivio
Stampa Invia

Blasi: una nuova legge elettorale per riequilibrio di genere

19 giugno 2017, 14:15

La Presidente della Crpo: “Fare rete e promuovere alleanze, condividendo le nostre esperienze al fine di essere riconosciute come cittadine partecipi ed attive nella vita politica, sociale , culturale ed economica della Basilicata”

© 2013 - logo Crpo

© 2013 - logo Crpo

(ACR) - “La giornata di venerdì 16 giugno ha segnato per la Commissione Pari Opportunità della Regione Basilicata e per le amministratrici e le associazioni che hanno partecipato al Forum un punto di partenza importante per l’affermazione della democrazia paritaria nella nostra Regione”. E’ quanto sostenuto dalla presidente della Crpo, Angela Blasi, che ha sottolineato come “la democrazia paritaria  non è un affare esclusivo delle donne , ma un indicatore di qualità, di uguaglianza e civiltà”.

“Siamo tutte consapevoli – ha detto Angela Blasi - di dover fare rete e promuovere alleanze,  di dover condividere le nostre esperienze e di essere riconosciute come cittadine partecipi ed attive nella vita politica, sociale , culturale ed economica della Basilicata”.

“La sotto-rappresentanza politica delle donne – ha affermato Angela Blasi - è un modello desueto ed è anche un grave spreco di competenze che di fatto sono sottratte alla comunità. Memori degli impegni assunti dai rappresentanti di molti partiti, intendiamo oggi porre all'attenzione di tutte e tutti la necessità di una nuova legge elettorale paritaria in una regione che vede un Consiglio regionale fatto di soli uomini. In questi anni molto è stato fatto, il Parlamento  ha approvato la legge sull'equilibrio della rappresentanza di genere nei Consigli regionali con l'intento di far salire la quota ancora misera di donne che siedono nei Consigli stessi e tendere ad allinearla con la media europea”.

“La Crpo ha chiesto ed ottenuto – riferisce la Presidente dell’organismo consiliare - la disponibilità di molte donne nel voler portare questo messaggio sul nostro territorio. Abbiamo chiesto e continueremo a chiedere alle amministratrici lucane di costruire incontri sul territorio per portare avanti le istanze raccolte in un documento discusso durante l’iniziativa di venerdì che diventerà una proposta di legge. Lo stesso lo chiederemo alle numerose associazioni presenti in regione ed a tutte le donne lucane. Siamo, infatti, convinte che la legge regionale elettorale esistente non è esaustiva per attuare  una partecipazione democratica , sancita dalla nostra Costituzione,  e deluse  da un mancato recepimento delle nostre proposte nello Statuto regionale”.

“Nell’interesse di una completa democrazia – ha proseguito Angela Blasi - riteniamo che la proposta di legge dovrà prevedere  gli specifici sistemi per attuare la parità, i cosiddetti correttivi di genere, non debba prevedere semplicemente la promozione di misure tese alla rappresentanza di genere, ma debba contenere misure adottabili, predisponendole sulla base dei vari sistemi elettorali, così come previsto dalla legge nazionale e tenendo presenti tre ipotesi: liste elettorali composte dal 50 per cento di donne e dal 50 per cento di uomini; l’alternanza uomo-donna nelle liste bloccate; nei collegi uninominali nelle candidature presentate con lo stesso simbolo un sesso non può essere rappresentato oltre il 60 per cento. In caso di mancato rispetto delle condizioni elencate si deve prevedere un sistema sanzionatorio”.

“Dal confronto con la presidente Roberta Mori – ha esplicitato Angela Blasi -  è emersa  la necessità, anche per questa regione, di avere una legge che disciplini norme per  garantire la parità tra uomo e donna e contro le discriminazione di genere. La Commissione – ha concluso - si farà promotrice anche di questa esigenza, essendo organismo rappresentativo delle varie identità femminili di questa regione”.

dt

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Barcellona, Mollica: cordoglio per vittima di origini lucane

Il presidente del Consiglio regionale esprime dolore per la morte, nel vile attentato, di Carmen Lopardo, la italo argentina nata a Sasso di Castalda

Personale Artpab, Rosa: “Consiglio regionale esautorato”

“Dove sono i criteri di imparzialità ed oggettività?” si chiede il capogruppo Lb-Fdi ricordando che “per evitare l’ennesima selezione clientelare, per fissare criteri stringenti, l’avviso doveva passare in Commissione a settembre”

Lamorte: approvato nuovo Regolamento per tv e radio locali

La presidente del Corecom Basilicata: “Lo scopo è di premiare chi svolge il ruolo di editore, mettendo fine ai contributi a pioggia e dando agli operatori locali uno strumento di sostegno a garanzia del merito, del pluralismo e dell'informazione”

POLESE: PUNTARE SULLE ECCELLENZE LUCANE

Un tour nella “Basilicata Meravigliosa” con Gianni Pittella