domenica, 21 gen 2018 23:36

Vai all'archivio
Stampa Invia

Collina Materana, Castelluccio: maltempo, notevoli i danni

17 luglio 2017, 11:18

Il Vice presidente del Consiglio regionale, nel far rilevare i danni causati dal maltempo alle coltivazioni della collina materana, sottolinea che “la Regione non deve tergiversare ulteriormente nel dichiarare lo stato di calamità naturale”

© 2013 - danni alle colture causati dal maltempo

© 2013 - danni alle colture causati dal maltempo

(ACR) - “Per i danni diffusi provocati dalle eccezionali condizioni meteo a colture, produzioni, attività agricole che mi vengono segnalate in queste ore a Grassano, Grottole, Salandra, Miglionico ed Irsina, nel comprensorio della Collina Materana tra le più colpite insieme ad altre della provincia di Potenza in questi giorni da pioggia, grandine, tromba d’aria, ed altri fenomeni atmosferici inusuali, è necessario intensificare l’attività degli Uffici del Dipartimento Agricoltura già allertati tempestivamente dall’assessore Braia”.

E’ la sollecitazione del vice presidente del Consiglio regionale ed esponente di Forza Italia, Paolo Castelluccio, il quale sottolinea che: “Le preoccupazioni riguardano, soprattutto, le produzioni tipiche e di qualità del comprensorio tra cui olive, frutta ed ortaggi”.

“Come ben sanno gli agricoltori che hanno dovuto negli anni percorrere il tortuoso e burocratico iter di richiesta di risarcimento danni – aggiunge Castelluccio -l’intervento pubblico è soggetto a grossi limiti, sia in termini di perdite risarcibili che di tempistiche di erogazione. Anche per il 2017, tuttavia, il Ministero delle Politiche Agricole ha previsto l’erogazione di contributi compresi tra il 50 ed il 65 per cento al fine di stipulare più efficienti polizze assicurative contro i danni da calamità naturali. Il contratto assicurativo, il cui costo è, sulla base del Piano assicurativo agricolo 2017 non certo un fattore secondario, anzi l’elemento che scoraggia i nostri produttori – dice Castelluccio – resta uno strumento che va intensificato”.

“Per i crescenti costi aziendali e le spese fiscali la situazione è davvero drammatica e l’intero comparto agricolo – sottolinea Castelluccio - è tartassato, oltre che dai prodotti sottopagati, da annate da incubo: il clima è impazzito. Passiamo da un estremo all’altro, con temperature sempre fuori la media, o troppo alte o troppo basse, con le piogge che sono diventate un miraggio, mentre si scatenano all’improvviso. Le piante non possono seguire il proprio corso naturale. Le perdite sono talmente elevate che è difficile anche quantificarle e si aggiungono anche ai danni causati dagli incendi e dalla fauna selvatica incontrollata. Per non parlare poi delle speculazioni che avvengono nel mercato da parte di chi approfitta delle calamità per sottopagare i prodotti agli agricoltori e portarli alle stelle per il consumatore finale”.

Per Castelluccio “la Regione non deve tergiversare ulteriormente nel dichiarare lo stato di calamità naturale. Sono necessari interventi urgenti ed immediati per attenuare, dove possibile, le ingenti perdite. Le aziende – conclude - sono al collasso e non possono essere lasciate sole”.

dt

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

FRANA STIGLIANO, CASTELLUCCIO: INTERVENIRE SUBITO

“Dopo dichiarazione stato emergenza attuare Piano regionale”

Frana Stigliano, Castelluccio: accelerare Piano regionale

Il Vice presidente del Consiglio regionale: “Dopo lo stato di emergenza dichiarato dal Consiglio dei Ministri in seguito all’aggravarsi della frana di Stigliano occorre accelerare l’attuazione del Piano regionale”

Eipli, Castelluccio: il mondo agricolo stia in guardia

Per il vice presidente del Consiglio “la soppressione dell’attuale ente non corrisponde in automatico alla svolta che tutti ci attendiamo. Ci vorranno ancora impegno e lavoro e una stretta concertazione tra le tre Regioni interessate”

Cova Viggiano, nuovo esposto M5s alla Procura di Potenza

Per integrare la documentazione già presentata a maggio. “Ottenere giustizia restituirebbe credibilità alle istituzioni, rispetto della inviolabile dignità del popolo e del territorio della Val d’Agri”