sabato, 21 apr 2018 17:08

Vai all'archivio
Stampa Invia

Par condicio, le regole dell’informazione istituzionale

09 gennaio 2018, 15:31

Fino al 4 marzo 2018, data in si svolgeranno le elezioni politiche, gli Uffici Stampa della Giunta e del Consiglio regionale regolamenteranno la propria attività

(ACR) - Gli uffici stampa della Giunta e del Consiglio regionale della Basilicata, in ossequio alle disposizioni contenute nelle leggi n. 28/2000 (art. 9) e n. 313/2003 e così come comunicato al Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni), hanno convenuto di regolamentare la propria attività giornalistica nel periodo della campagna elettorale per le elezioni politiche (fino al 4 marzo 2018) nel seguente modo:

1 – i comunicati stampa saranno redatti in forma tale da non influire sulla par condicio fra i candidati alle elezioni politiche; sarà quindi privilegiata l’informazione in forma impersonale e indispensabile per l’efficace assolvimento delle funzioni della comunicazione pubblica, ed in particolare sarà data notizia:

• dei provvedimenti esaminati e/o licenziati dalla Giunta e dal Consiglio regionale;
• dei provvedimenti esaminati e/o licenziati dalle Commissioni consiliari;
• di dichiarazioni di esponenti della Giunta e del Consiglio regionale sui provvedimenti esaminati o licenziati dalla Giunta, dal Consiglio o dalle Commissioni;
• di dichiarazioni di esponenti della Giunta e del Consiglio regionale in merito all’attività ispettiva e di controllo;
• di dichiarazioni di esponenti della Giunta e del Consiglio regionale in merito ad altri temi che non influiscano sulla par condicio fra i candidati alle elezioni politiche;

nel periodo indicato in premessa non saranno redatti dagli Uffici Stampa della Giunta e del Consiglio regionale comunicati e notizie relativi a dichiarazioni, annunci di incontri e dibattiti che possano influire sulla par condicio fra i candidati alle elezioni politiche;

le notizie prodotte dagli Uffici stampa della Giunta e del Consiglio regionale sull’attività istituzionale sono riconoscibili perché recano fra parentesi le sigle Agr (Agenzia Giunta Regionale) e Acr (Agenzia Consiglio regionale);

2 – nei servizi e nelle notizie del tg web non saranno riportate interviste e dichiarazioni in voce ed in video degli esponenti politici che possano influire sulla par condicio fra i candidati alle elezioni amministrative;

3 - le altre notizie diffuse sui siti web della Regione (www.regione.basilicata.it, www.consiglio.basilicata.it, www.basilicatanet.it,) saranno pubblicate in forma tale da non influire sulla par condicio fra i candidati alle elezioni politiche;

4 - le notizie pubblicate in forza di convenzioni o contratti con fonti esterne sono di proprietà delle medesime fonti informative (Ansa, ecc.) e gli uffici stampa della Regione non sono responsabili del contenuto informativo che esse propongono; le notizie in questione sono riconoscibili perché recano nel titolo fra parentesi il nome dell’Agenzia di stampa che le ha prodotte. 

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Galante: caratterizzare con buone idee azione di governo

“Il rammarico, i ripensamenti ed anche in parte la incredulità di un voto così penalizzante, non devono interferire con il lavoro di una maggioranza di governo che è chiamata a dare risposte concrete alla comunità di Basilicata”

Elezioni politiche, i commenti di Pace e Galante

“I risultati usciti dalle urne il 4 marzo impongono una fase di attenta analisi. Minimizzare sarebbe un grande errore. Pertanto, ci appaiono scomposte ed irragionevoli oltre che irresponsabili le prese di posizione di molti esponenti del Pd lucano”

Elezioni, Leggieri: unione collegi becero calcolo politico

Il capogruppo M5s Basilicata: “Accorpamento collegi in Basilicata. Sciacallaggio sul Vulture - Alto Bradano”

PAR CONDICIO, MOLLICA: ADEGUARE LE NORME

“Nell’era del web serve una nuova regolamentazione”