sabato, 23 giu 2018 06:08

Vai all'archivio
Stampa Invia

Numero legale, Giuzio: "Il M5s ha paura della trasparenza?"

13 marzo 2018, 17:15

Il capogruppo consiliare del Pd commenta la chiusura anticipata della seduta dell’Assemblea

(ACR) - “La funzionalità delle sedute e il mantenimento del numero legale è innanzitutto responsabilità della maggioranza, ma nel caso specifico di oggi, in presenza di tre assenti giustificati della maggioranza, questo tema riguarda anche e soprattutto le opposizioni”.

E’ quanto afferma il capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Vito Giuzio, commentando la chiusura anticipata della seduta dell’Assemblea a causa della mancanza del numero legale.

“Sorprende, in particolare – sostiene Giuzio - l’atteggiamento dei consiglieri del Movimento cinque stelle che erano presenti in Aula, ma non hanno ritenuto di votare, facendo venire meno il numero legale, sulla richiesta del consigliere Lacorazza di anticipare la discussione di una sua mozione sulla trasparenza della procedura attivata per la selezione del personale con la gara d’appalto per il lavoro interinale”.

“Sciatteria? Cinico opportunismo? Ma come – dice Giuzio - il tema della trasparenza non era un ‘cavallo di battaglia’ del movimento uscito vincitore dalle elezioni politiche? Dobbiamo pensare che i cinque stelle hanno paura della trasparenza, o che magari hanno già assorbito le modalità della vecchia politica?”.

dt

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

BLASI: “PANCHINA ROSSA” CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE

L’iniziativa voluta dalla commissione pari opportunità

Blasi: la "panchina rossa" in Consiglio regionale

“Non solo un atto simbolico, ma la testimonianza della presa di...

Consiglio regionale, inaugurata la “panchina rossa”

Per il presidente dell’Assemblea Vito Santarsiero e la presidente...

Rosa: Legge elettorale regionale vittima delle faide del Pd

Il consigliere regionale di Lb-Fdi: “Ora basta. La speranza è che il Pd tenga le sue guerre fuori dall’istituzione regionale”