giovedì, 13 dic 2018 08:10

Vai all'archivio
Stampa Invia

Itrec, Rosa: inerzia organi preposti a tutela ambientale

16 aprile 2018, 08:08

Il consigliere regionale Lb- Fdi: “Itrec di Rotondella, chiederemo che Pittella relazioni in Consiglio. Tutti i cittadini devono sapere”

(ACR) - “Domani, presenteremo richiesta al Presidente del Consiglio affinchè Pittella venga a relazionare in Consiglio sulla questione Itrec di Rotondella e del sequestro delle vasche che sversavano direttamente in mare aperto sostanze cancerogene. Basta, sterili audizioni in Commissione, che non sono pubbliche. Il Presidente Pittella deve confrontarsi non solo con i Consiglieri tutti ma anche con i cittadini che potranno ascoltare di persona come stanno realmente le cose”. Così il presidente del gruppo consiliare Laboratorio Basilicata – Fratelli d’Italia, che sottolinea: “questa situazione ci preoccupa e non poco perché dimostra la totale inerzia degli organi preposti alla tutela ambientale della nostra Regione”.

“Anche in questo caso – afferma Rosa - è la Magistratura che interviene a sancire l’inquinamento prodotto da un impianto a forte impatto ambientale. Purtroppo, per noi, l’Autorità giudiziaria sconta la sua tempistica: due anni, da quel 2015, in cui i dati dell’Arpab accertavano l’inquinamento da Tricloroetilene e da Cromo Esavalente e dai quali pare sia partita l’inchiesta. Da quanto tempo – fa notare Rosa - va avanti questo sversamento? Quanto è stato importante? Dobbiamo aspettare anche in questo caso la Magistratura? I tempi non sarebbero stati più brevi se vi fosse stato un accorto monitoraggio? Noi crediamo che se l’Arpab e l’Ispra avessero funzionato, dopo l’allerta nel 2015 sull’inquinamento del Sinni, probabilmente si sarebbe evitato l’ennesimo stupro della nostra Regione”.

“Lo sversamento nello Jonio di sostanze cancerogene è un fatto gravissimo che coinvolge anche altre Regioni. La salute, l’agricoltura e il turismo sono a rischio. Ci auguriamo che arrivino risposte soddisfacenti dagli organi preposti. Non accetteremo che sia la Magistratura a fare il lavoro di monitoraggio ambientale. Speriamo che, questa volta – conclude Rosa - siano accertate le responsabilità e che cadano teste”.

dt

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Mollica: il petrolio non è una risorsa per la Basilicata

In vista della manifestazione di sabato a Venosa il consigliere ribadisce che “è assurdo permettere ancora alle compagnie il saccheggio del territorio senza che negli anni si siano adottate misure a tutela della salute e della sicurezza ambientale”

BANCA DELLA TERRA LUCANA, LA VOCE AI GIOVANI

Una legge per ridare vita ai terreni abbandonati

Impianto a biomasse a Tito Scalo, interrogazione di Rosa

“L’impianto è soggetto a Via e ad Aia ma anche ad autorizzazione unica, ma la Regione non ha mai deliberato in merito. La legge va rispettata e si pensi prima al diritto alla salute che al profitto”

Petrolio, M5s: non si girerà più la testa dall’altra parte

Per i consiglieri regionali Perrino e Leggieri “chi non ha fatto nulla almeno per arginare i problemi, sempre più evidenti, creati da una dissennata politica estrattiva, farebbe bene ad evitare di lanciarsi in proclami da Masaniello dell’ambiente”