mercoledì, 21 nov 2018 02:58

Vai all'archivio
Stampa Invia

Continuità assistenziale, approvata proposta di legge

19 giugno 2018, 18:16

Il provvedimento, proposto da tutti i gruppi consiliari e fatto proprio dalla quarta Commissione sulla base di una iniziativa di Galante (Ri) e Pace (Gm), punta a bloccare le azioni di recupero avviate dalle aziende sanitarie nei confronti dei medici

(ACR) - Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità una proposta di legge sulle “Disposizioni in materia sanitaria”. Il provvedimento ha lo scopo di bloccare le azioni di recupero avviate dalle aziende sanitarie nei confronti dei medici dopo l’iniziativa della Corte dei Conti, che nei mesi scorsi aveva contestato la legittimità di alcune indennità assegnate ai medici con l’accordo integrativo del 2008 (per condizioni di disagio, uso dell’auto propria, guardia medica pediatrica), e dopo la conseguente decisione del governo regionale che ha sospeso quelle indennità.

Con le nuove norme, proposte da tutti i gruppi consiliari e fatte proprie dalla quarta Commissione sulla base di una iniziativa di Galante (Ri) e Pace (Gm), si stabilisce che “fino all’approvazione della deliberazione della Giunta regionale n. 347/2017, le indennità aggiuntive di cui all’art. 35, comma 1 dell’Accordo integrativo aziendale approvato con la deliberazione della Giunta regionale n. 331/2008, sono da intendersi riconosciute in quanto correlate ai servizi resi da tutto il personale medico operante nel settore delle prestazioni assistenziali della medicina convenzionata a garanzia del miglioramento e dell’integrazione dell’assistenza medica ai cittadini”.

Le indennità in questione “si intendono finalizzate alla remunerazione di particolari e specifiche condizioni di disagio e difficoltà in cui vengono rese le prestazioni sanitarie al fine di garantire i livelli essenziali di assistenza”. In attuazione di questa norma (emendamento di Rosa approvato dall’Aula) “non si da attuazione alle procedure per il recupero nei confronti dei medici di continuità assistenziale che hanno percepito le indennità”.

Nel dibattito che ha preceduto il voto sono intervenuti i consiglieri Napoli, Galante (Ri), Pace e Romaniello (Gm) e il presidente della Regione Pittella.

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Randagismo, Romaniello e Lacorazza: migliorato il testo

“Le modifiche proposte ed approvate migliorano la proposta di legge iniziale e consento a questa Regione di fare un passo in avanti sulla prevenzione e il controllo del randagismo e la tutela degli animali da compagnia e di affezione”

Banca del latte umano donato, approvata proposta di legge

I compiti della Banca del latte umano donato, svolti nell’esclusivo interesse della salute dei bambini, riguardano la selezione, raccolta, controllo, trattamento, conservazione e distribuzione del latte umano per specifiche necessità mediche

Prevenzione e controllo randagismo, si a proposta di legge

Il testo, frutto dell’unificazione di due proposte di analogo contenuto presentate in precedenza da Leggieri (M5s) e Napoli, punta alla tutela degli animali e alla valorizzazione del ruolo delle associazioni

EX GUARDIE MEDICHE, LACORAZZA: NON CADA IL SILENZIO

Il consigliere invoca un’iniziativa dell’assessore Franconi