martedì, 19 feb 2019 14:05

Vai all'archivio
Stampa Invia

Zes, Castelluccio: non basta fare i “compiti a casa”

10 luglio 2018, 16:26

Per il consigliere regionale “le opportunità di sviluppo devono riguardare, a mio parere, i comparti agro-alimentare del Metapontino e manufatturiero in generale, con attenzione particolare alle piccole e medie imprese e del settore artigiano”

(ACR) - “Non sono convinto che per il “Piano di Sviluppo Strategico Zes Basilicata a carattere interregionale” la Giunta regionale abbia svolto correttamente i “compiti a casa”. Ha sicuramente risposto alla traccia dei compiti, ma il rischio è di uscire fuori tema proprio come lo studente diligente che all’esame di maturità, nonostante abbia riempito quattro pagine, si ritrova un voto basso”.

Lo afferma il consigliere regionale, Paolo Castelluccio, aggiungendo: “al di fuori del linguaggio preferito dall’assessore Cifarelli la vicenda della istituzione della Zes appulo-lucana che comprende la ValBasento e va ben oltre, denota la mancata sintonia con la Regione Puglia”.

“I rapporti idilliaci con il governatore Emiliano sono solo un ricordo del passato. Così – continua Castelluccio - la delibera di Giunta sembra più un modo, in questi tempi sicuramente difficili per la Giunta stessa, per affermare una presenza più formale che sostanziale, tentando di testimoniare vitalità. E forse anche un modo per inchiodare la Giunta pugliese ‘amica’ a sue responsabilità in modo da voler dimostrare alle comunità della ValBasento che, in caso di ritardi ed insuccessi, non sarebbe colpa del Governo regionale lucano. Così il trasferimento del documento alla competente Commissione consiliare per una discussione che di fatto diventa solo accademica. Sarà sicuramente il pressing del Ministro per il Sud ad aver determinato il nuovo atteggiamento della nostra Giunta, ma senza la parte fondamentale del progetto Taranto al tavolo dello stesso Ministro è evidente che non potrà avere alcuna valutazione di merito”.

“Le opportunità di sviluppo – prosegue Castelluccio - devono riguardare, a mio parere, i comparti agro-alimentare del Metapontino e manufatturiero in generale, con attenzione particolare alle piccole e medie imprese e del settore artigiano. Dubito che sia sufficiente disegnare su una carta geografica i confini allargati della Zes per determinare, attraverso la matita magica, tutte quelle condizioni di crescita imprenditoriale, occupazionale, di esportazioni che sinora, senza la Zes, sono mancate. Una zona di vantaggio per le imprese deve essere tale in tutti i suoi aspetti, conservando caratteristiche di omogeneità territoriale e dando risposte efficaci ed efficienti alle esigenze delle piccole e medie imprese a partire dal ‘nodo viabilità’ ed infrastrutture. E’ evidente – conclude Castelluccio – che su questi temi così delicati non c’è più alcuna autorevolezza per il confronto con Puglia e Ministero”.

dt

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Centri per l’impiego, Castelluccio: solo 24 unità in più

Per il consigliere regionale “se questo è il modo di trovare lavoro ai beneficiari del nuovo strumento voluto da Cinquestelle e Leghisti c’è poco di buono da aspettarsi”

TRIVELLE MAR JONIO, CASTELLUCCIO: NETTA OPPOSIZIONE

“Non si conciliano perforazioni e sviluppo eco-sostenibile”

Matera 2019, Castelluccio: intervenire a favore commercianti

Il consigliere sollecita un tavolo permanente in Regione con la presenza oltre che di rappresentanti delle categorie economiche interessate, di Regione, Comune di Matera, Fondazione, istituti di credito, enti, agenzie, aziende sub-regionali

Tempa Rossa, Lacorazza: “Servono opportunità stabili”

"Dobbiamo far valere le nostre prerogative non accettando nessuna logica di ‘scambio’ ma affermando che le comunità attendono un impegno vero per un lavoro stabile e per opportunità durature"