martedì, 11 dic 2018 21:12

Vai all'archivio
Stampa Invia

Rendina Ambiente, Rosa: cronaca di un sequestro annunciato

20 luglio 2018, 15:05

“Avevamo denunciato nel 2011 l’inquinamento prodotto dall’ex inceneritore, un governo responsabile avrebbe potuto fare molto, invece constatiamo che la magistratura sta facendo quello che noi abbiamo chiesto già dal 2013: la chiusura dell’impianto”

(ACR) - “E’ un disastro annunciato nella totale cecità di questa maggioranza e di coloro che l’hanno preceduta negli ultimi quindici anni. Una catastrofe ambientale resa possibile dalle reticenze e dalla superficialità di un apparato politico burocratico che ha preferito mentire e tacere pur di non disturbare l’oligarchia al potere”. Così il capogruppo di Laboratorio Basilicata – Fratelli d’Italia Gianni Rosa commenta il sequestro dell’inceneritore della società Rednina Ambiente (ex Fenice) di san Nicola di Melfi.

A suo parere “la vicenda Fenice è la cronaca di un sequestro annunciato. Da noi. Era il 2011 quando denunciavamo l’inquinamento prodotto dall’ex inceneritore e la completa e totale indifferenza della politica. Eravamo i soli. Eravamo i gufi. Sono sette anni persi. Sette anni in cui un governo responsabile avrebbe potuto fare molto, moltissimo. Invece siamo ancora qui a parlarne e a constatare che la magistratura sta facendo quello che noi abbiamo chiesto già dal 2013: la chiusura dell’impianto. Allora, la maggioranza di De Filippo bocciò la nostra mozione per la chiusura dell’ex inceneritore. Dov’erano i novelli ecologisti, ieri, quando i risultati della Commissione d’inchiesta su Fenice indicarono profili di responsabilità istituzionali, in merito all’inquinamento prodotto dall’inceneritore? A cosa è servita la commissione d’inchiesta se è dovuta intervenire la magistratura per porre fine allo scempio che andiamo denunciando da anni? A nulla perché le commissioni sono solo inutili ammennicoli buoni, per i politici, a ripulirsi la coscienza davanti ai cittadini”.

“Potremmo continuare ad elencare decine di iniziative istituzionali negli anni che non hanno avuto né appoggio da altri né risposte dal governo regionale. E nonostante tutto non abbiamo mai mollato per amore della legalità e della verità. Ancora una volta – conclude Rosa -, possiamo dire che siamo stati facili profeti. In Basilicata, sono vent’anni che ‘comanda’ il centrosinistra e tanto basta a capire che non poteva accadere diversamente. Il centrosinistra è stato sempre troppo impegnato ad accumulare potere per accorgersi dei disastri che si perpetravano ai danni della nostra terra”.

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Perrino: “Rifiuti Zero per un’economia realmente circolare”

“Continueremo imperterriti nel perseguire il compimento effettivo di questa strategia. Lo tenga bene a mente anche il ministro dell’Interno Salvini che, a quanto pare, non ha le idee molto chiare sulla devastante pratica dell’incenerimento”

Ambiente, Leggieri: basta insediamenti produttivi pericolosi

“Siamo costretti a subire una vera e propria colonizzazione a opera di società e multinazionali che hanno individuato nella Regione Basilicata a una vera e propria terra dell’oro, il luogo ideale dove fare affari senza troppi problemi”

GESTIONE RIFIUTI, ECCO LA NUOVA DISCIPLINA

Adeguata la normativa regionale alle disposizioni europee

Gestione dei rifiuti, Lacorazza: un passo importante

“Prende forma, dopo 17 anni, un campo di regole che pone le basi per la definizione di un migliore equilibrio tra un più efficiente processo di gestione dei rifiuti e pianificazione territoriale”