lunedì, 17 giu 2019 17:28

Vai all'archivio
Stampa Invia

Liste attesa, Castelluccio: dare corso a prescrizioni Agcm

24 settembre 2018, 08:58

Il consigliere regionale fa anche riferimento a quanto stabilito dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito ai tetti di spesa assegnati annualmente alle strutture sanitarie private accreditate

(ACR) - “Non riesco a capire cosa attendano ancora il Dipartimento Salute e la Giunta regionale ad  assumere le determinazioni richieste dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito alla definizione dei criteri per i ‘tetti di spesa’ assegnati annualmente alle strutture sanitarie private accreditate come ha spiegato 'Sanità Futura' la scorsa settimana”.

Ad affermarlo è il consigliere regionale, Paolo Castelluccio, secondo il  quale “per restare ‘al gioco dell’oca’ utilizzato efficacemente da 'Sanità Futura' per rendere più chiara ai cittadini-utenti la situazione, la Regione ha costretto i cittadini a finire, ancora una volta, nella casella ‘prigionieri’”.

“Al di là di metafora – aggiunge Castelluccio – si è ‘prigionieri’ di un apparato burocratico annidato nel Dipartimento Salute e nelle due Aziende sanitarie Locali arroccato sulle proprie posizioni e che, di fatto, ha bloccato ogni tentativo di sano cambiamento. In questa ottica vanno lette le dimissioni di Bradascio che ha buttato la spugna dopo aver verificato, dopo anni di Presidenza della Quarta commissione consiliare e di estenuanti e pazienti mediazioni con la cricca di burocrati che, nelle attuali condizioni, senza una guida politica autorevole nella Sanità, ogni tentativo è perso”.

“Questa volta, però – sottolinea Castelluccio - se è l’Agcm a dare ragione alle posizioni dell’associazione delle strutture sanitarie accreditate che, soprattutto a Matera, sono costrette a ‘respingere’ utenti pugliesi e di altre regioni proprio a causa dei tetti di spesa, con un danno diretto alle entrate della sanità lucana, non si può far finta che nulla sia successo come è accaduto con i ‘coraggiosi’ documenti Bradascio approvati all’unanimità in Quarta commissione e poi disattesi da Assessore e Giunta. Come è stato ampiamente spiegato dai dirigenti di 'Sanità Futura' è questo un problema che riguarda direttamente i cittadini alle prese con le liste di attesa lunghissima per specifiche prestazioni e visite, sino ad oltre un anno. E’ il caso di ricordare ai nostri ‘burocrati’ come agli esponenti della Giunta – sostiene il consigliere - che il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, qualche giorno fa ha fatto esattamente quello che l’Agcm ha chiesto di fare alla Regione Basilicata, sottoscrivendo un’intesa con le associazioni delle strutture ambulatoriali che invece di cristallizzare le prestazioni nei tetti consentirà di abbattere le liste di attesa nel Lazio di un buon 90 per cento”.

“Sarebbe sufficiente – dice ancora Castelluccio – immettere le strutture ambulatoriali nell’agenda del Cup regionale e tenere fuori almeno una quarantina di esami ‘salva vita’ per raggiungere un primo risultato. Per questo propongo che si istituisca una ‘corsia privilegiata’ in Commissione e in Consiglio per una nuova deliberazione di Giunta che, recependo le prescrizioni dell’Agcm modifichi la ‘famigerata’ delibera 316/2018 (e seguenti), per accelerare l’iter prima della scadenza della legislatura. Sarebbe questo per Assessore e Giunta un atto di riparazione dovuto alle migliaia di lucani che subiscono le liste di attesa sino ad ‘emigrare’ in altre strutture extraregionali ed ai titolari di centri, poliambulatori, laboratori di analisi (oltre 60 con 700 operatori) ai quali ad oggi non sono stati consegnati nemmeno i contratti per il 2018. Eppure proprio ai titolari delle strutture di sanità ambulatoriale, solo qualche settimana fa – conclude Castelluccio - i burocrati di Asp e Asm hanno ‘imposto’ di contribuire al superamento delle liste di attesa come se disponessero della bacchetta magica”. 

dt

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Zullino: “Superare i gap della riorganizzazione sanitaria”

Il neo presidente della quarta Commissione dice che i lavori dell’organismo saranno orientati “all’analisi e all’audizione delle criticità che stiamo già registrando e che gli operatori sanitari hanno opportunamente segnalato”

Specialistica ambulatoriale, si ai tetti di spesa 2019_2020

25,7 milioni di euro all’anno per le prestazioni rese ai residenti, 2,8 per quelle destinate ai non residenti e 400 mila euro nel biennio per le prestazioni aggiuntive. Audizione sulla terapia di neuropsicomotricità svolta presso l’ospedale San Carlo

Continuità assistenziale, Lacorazza: subito revoca delibere

Il consigliere regionale del Pd: “ho seguito con molta attenzione questa vicenda in questi mesi e continuerò a farlo finché giustizia non sarà fatta”

TAGLIO AGEVOLAZIONI IRES, NAPOLI: UNA TASSA OCCULTA

“La misura interessa anche aziende ospedaliere e sanitarie”