giovedì, 13 dic 2018 07:24

Vai all'archivio
Stampa Invia

Energia rinnovabile, Napoli: Basilicata prima per produzione

24 settembre 2018, 12:09

Il consigliere regionale, riprendendo uno Studio pubblicato da Confartigianato su dati Terna e Istat, afferma: “Produzione di energia rinnovabile, la Basilicata in vetta alla classifica delle Regioni d’Italia”

(ACR) - “Con 4688 KWh per abitante la Basilicata è al top della classifica delle Regioni d’Italia relativa alla produzione di energia da fonti rinnovabili (sole, vento, geotermia e biomasse) escluso l’idrico, un dato quattro volte superiore alla media nazionale( 1119 KWh) e che attribuisce finalmente un primato in positivo alla nostra regione rispetto ad obiettivi strategici quali quelli di decarbonizzazione e di transizione verso fonti energetiche green, così come definiti dalla strategia economica nazionale”.

E’ quanto dichiara il consigliere regionale, Michele Napoli, sulla base di uno Studio pubblicato da Confartigianato su dati Terna e Istat.

“Dall’analisi in dettaglio delle diverse fonti energetiche rinnovabili - prosegue Napoli - emerge come a trainare l’ottima performance della Basilicata siano soprattutto l’energia elettrica derivante dall’eolico (settore nel quale la Basilicata consegue il primato nazionale con 3467 KWh prodotti per abitante) e dal fotovoltaico (che con 890 KWh prodotti, colloca la nostra regione al secondo posto in Italia, a ridosso delle Marche), mentre c’è ancora molto da fare con riguardo all’energia derivante da geotermia e biomasse”.

“Quello delle fonti energetiche rinnovabili – specifica il vice presidente del Consiglio regionale - è un settore di notevole rilevanza economica che genera in Italia investimenti per quasi 2 miliardi di euro, contribuisce al Pil nazionale per oltre 3 miliardi di euro e  interessa 98503 imprese. Di qui la necessità per la nostra Regione – conclude Napoli - non solo di un sostegno alle fonti energetiche green finalizzato alla tutela ambientale ed all’abbattimento dei consumi energetici di imprese e famiglie, ma anche di opportuni atti di indirizzo che consentano di evitare il pregiudizio  di interessi e valori altrettanto rilevanti come la tutela del patrimonio paesaggistico”.

dt

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Mollica: il petrolio non è una risorsa per la Basilicata

In vista della manifestazione di sabato a Venosa il consigliere ribadisce che “è assurdo permettere ancora alle compagnie il saccheggio del territorio senza che negli anni si siano adottate misure a tutela della salute e della sicurezza ambientale”

Masseria La Rocca, Mollica: la Regione ricorra alla Consulta

“L’impegno di una decisione come quella di nessun altro pozzo in regione, deve essere perseguito in tutti i suoi gradi di giudizio e, io direi, anche oltre. Tutelare il territorio e la salute pubblica, è un imperativo dal quale non ci si può sottrarre”

Robortella, Lacorazza e Cifarelli: “Bene norma carbon free”

Per i consiglieri regionali del Partito democratico e per l’assessore regionale alle Politiche di Sviluppo” è stato compiuto un grande passo in avanti per raggiungere gli obiettivi di crescita ecosostenibile della Basilicata”

AMBIENTE, LEGGIERI: NO A IMPIANTO FORSU A MELFI

“La Basilicata è un territorio già fortemente penalizzato”