mercoledì, 24 apr 2019 03:59

Vai all'archivio
Stampa Invia

Dati Istat, Castelluccio: politica lucana dia risposte

31 ottobre 2018, 11:55

Per il consigliere regionale “invece di attardarsi in polemiche su formule di coalizione e candidati governatori si passi alle proposte e ai programmi senza attendere misure miracolistiche da Roma”

(ACR) - “I dati Istat sull’occupazione servono innanzitutto a rimettere la politica lucana di fronte alla responsabilità di dare risposte a chi non ha lavoro o lo ha perso. Invece di attardarsi in polemiche su formule di coalizione e candidati governatori si passi alle proposte e ai programmi senza attendere misure miracolistiche da Roma”.

Ad affermarlo è il consigliere regionale Paolo Castelluccio che aggiunge: “E’ evidente che il governo Lega-M5s deve prendere atto che le politiche assistenzialistiche non risolvono il crescente disagio occupazionale. La bizzarra idea che proviene da esponenti del governo – terreni gratis e mutui a tasso zero per chi fa più figli – non può certo piacere ai giovani che continuano a scommettere sul proprio futuro all’estero”.
“Dopo l’aumento del mese scorso – continua - la stima degli occupati a settembre 2018 torna a calare  (-34 mila unità). Il calo congiunturale riguarda donne e uomini e si distribuisce tra le persone di età compresa tra i 25 e i 49 anni. Altro dato di approfondimento è quello dell’ulteriore precarizzazione: nell’ultimo mese si stima una netta diminuzione dei dipendenti permanenti (-77 mila) mentre aumentano sia quelli a termine (+27 mila) sia gli indipendenti (+16 mila). Dopo due mesi di diminuzione, a settembre torna a crescere la stima delle persone in cerca di occupazione (+3,2 per cento, pari a +81 mila unità). L’aumento della disoccupazione si distribuisce su entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età. Il tasso di disoccupazione sale al 10,1 per cento (+0,3 punti percentuali su base mensile), quello giovanile aumenta lievemente e si attesta al 31,6 per cento (+0,2 punti). A settembre si stima un calo degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,3 per cento, pari a -43 mila unità). La diminuzione coinvolge uomini e donne e si distribuisce tra i 25-34enni e i 50-64enni. Il tasso di inattività scende al 34,5 per cento (-0,1 punti percentuali)”.

“Riguardo all’età – dice Castelluccio - si registra una diminuzione degli occupati tra i 15 e i 49 anni a cui si contrappone l’aumento tra gli ultracinquantenni a conferma che si acuisce il distacco e lo scontro generazionale. Per noi in Basilicata petrolio, turismo, agricoltura continuano a rappresentare potenzialità di sviluppo e promesse di lavoro”.

“Solo un programma fortemente innovativo e di discontinuità per la nuova legislatura regionale – conclude - può cambiare radicalmente la situazione. Per essere concreti: in agricoltura non basta dare la terra ai giovani se poi non si mettono in condizioni di stare sul mercato”.

L.C.

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Centri per l’impiego, Castelluccio: solo 24 unità in più

Per il consigliere regionale “se questo è il modo di trovare lavoro ai beneficiari del nuovo strumento voluto da Cinquestelle e Leghisti c’è poco di buono da aspettarsi”

TRIVELLE MAR JONIO, CASTELLUCCIO: NETTA OPPOSIZIONE

“Non si conciliano perforazioni e sviluppo eco-sostenibile”

Cmd Atella, Lacorazza: accogliere appello lavoratori

Il consigliere chiede che “insieme all'azienda, la Regione solleciti il Governo Conte affinché individui la strada più giusta per offrire risposte adeguate. Occorre ridare centralità al lavoro e alla crescita delle nostre aziende”

Matera 2019, Castelluccio: intervenire a favore commercianti

Il consigliere sollecita un tavolo permanente in Regione con la presenza oltre che di rappresentanti delle categorie economiche interessate, di Regione, Comune di Matera, Fondazione, istituti di credito, enti, agenzie, aziende sub-regionali