martedì, 18 giu 2019 15:39

Vai all'archivio
Stampa Invia

Reddito cittadinanza, Castelluccio: esploderà lavoro nero

12 novembre 2018, 11:58

Per il consigliere regionale “l'architettura della misura, come spiega Unimpresa, si presta a diverse manipolazioni, anche con sostanziali accordi tra le imprese e i lavoratori, appartenenti a categorie più deboli”

(ACR) - “La norma che mira a introdurre il reddito di cittadinanza, che comunque resta solo una promessa perché è senza alcuna adeguata e totale copertura finanziaria reale, riguarderebbe, secondo i calcoli fatti oggi da Il Sole 24 Ore, 28.600 famiglie lucane (con Isee ordinario fino a 9 mila euro), il 12,1 per cento del totale. Ma Cinquestelle e Lega si guardano bene, oltre che dall’indicare dove prenderanno i soldi necessari, come affronteranno le troppe questioni tuttora aperte per la fase che dovrebbe attuare il provvedimento assistenziale, tra le quali l’inadeguatezza profonda dei centri per l’impiego”.

A sostenerlo è il consigliere regionale Paolo Castelluccio sottolineando che “i numeri sarebbero consistenti (19mila famiglie in province di Potenza e 9.600 in quella di Matera) come consistenti sono le legittime aspettative alimentate anche in Basilicata e  nel resto del Mezzogiorno che assorbirebbe, come ha confermato  il rapporto Svimez dei giorni scorsi , il 63 per cento delle risorse necessarie al reddito di cittadinanza, con le due province lucane tra le prime 33 del sud per percentuale di potenziali beneficiari”.

“Contestualmente alla diffusione dei dati il Centro studi di Unimpresa – continua - mette in guardia su come diventerebbe possibile aggirare la norma e di conseguenza far esplodere il lavoro nero. L'architettura della misura, spiega Unimpresa, si presta a diverse manipolazioni, anche con sostanziali accordi tra le imprese e i lavoratori, appartenenti a categorie più deboli. Chi ha un reddito mensile inferiore a 1.000 euro potrebbe infatti ‘accettare’ di buon grado il licenziamento da parte del datore del lavoro, percepire il reddito di cittadinanza (che assegna una ‘paga’ mensile fino a 780 euro), continuare a lavorare con un salario in nero e più contenuto rispetto a quello regolare. I vantaggi ci sarebbero sia per i lavoratori, perché la somma di reddito di cittadinanza e salario in nero sarebbe superiore alla paga regolare; sia per i datori di lavoro, perché risparmierebbero dal 30 per cento al 60 per cento sul costo del lavoro pur potendo avere comunque la stessa prestazione lavorativa”.

“Commercio, turismo, agricoltura, servizi di manutenzione e di pulizia – dice Castelluccio - sono per Unimpresa i settori nei quali si potrebbero registrare i maggiori casi di anomalia e distorsione. Lavoratori part time e con stipendio inferiore a 1.000 euro mensili quelli potenzialmente più interessati a valutare forme di aggiramento e violazione della misura. Condivido la valutazione di Unimpresa, secondo  cui l'effetto finale della misura sul reddito di cittadinanza andrebbe in netta controtendenza rispetto agli obiettivi perseguiti dal governo: non si creerebbe nuova occupazione, ci sarebbe un boom del lavoro nero e si registrerebbero casi di frode a danno della finanza pubblica”.

“Per creare nuova occupazione – conclude - sono le proposte che vengono dagli imprenditori e che vanno sostenute, bisogna tagliare il cuneo fiscale e i costi a carico delle aziende, ma ci rendiamo conto che si tratterebbe di interventi poco spendibili sul piano elettorale e non remunerativi in termini di voti”.

L.C.

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Reddito minimo, Cifarelli: “Risposta parziale ed equivoca”

Per il capogruppo del Pd la Giunta “non chiarisce se la durata fino al 31 dicembre sia da intendersi come definitivamente conclusiva. Inoltre Bardi e Cupparo “nulla dicono ai destinatari dei tirocini formativi ed ai lavoratori socialmente utili”

REDDITO MINIMO, VIZZIELLO: EVITARE STRUMENTALIZZAZIONI

Il consigliere regionale Fdi replica al sindaco di Grassano

Reddito minimo, Vizziello: evitare strumentalizzazioni

Il consigliere regionale Fdi replica alle affermazioni del sindaco di Grassano

Elezioni, Lacorazza: il lavoro priorità assoluta

Il consigliere regionale ha incontrato i segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil per discutere il programma di “Basilicataprima” per la prossima legislatura