martedì, 18 giu 2019 14:35

Vai all'archivio
Stampa Invia

Castelluccio: carenza medici e infermieri nel materano

08 dicembre 2018, 10:41

Per il consigliere regionale “per risolvere i problemi di organico dei piccoli ospedali non può bastare il provvedimento che riguarda incentivi a favore di chi sceglie di lavorare in strutture ospedaliere periferiche

(ACR) - “Per risolvere i problemi di organico dei piccoli ospedali del materano, come del resto della regione, non può bastare il provvedimento che riguarda incentivi a favore dei medici che scelgono di lavorare in queste strutture ospedaliere periferiche se, come dimostra la carenza di infermieri all’ospedale di Stigliano, poi mancano altre figure professionali necessarie a garantire equità di servizi, prestazioni, qualità di cura con gli ospedali di Potenza e di Matera”.

A sostenerlo è il consigliere regionale Paolo Castelluccio per il quale “le rassicurazioni venute nelle ultime ore dal direttore generale dell’Asm Montagano sull’arrivo a Stigliano di nuovi infermieri specie per evitare i disagi a quelli di Tricarico costretti a raggiungere Stigliano, non sono esaurienti perché manca un piccolo particolare: l’indicazione della data di arrivo”.

“Il vero problema del sistema sanitario ospedaliero regionale – continua - è che non abbiamo più medici ed infermieri e il motivo è che lo Stato ha sbagliato la programmazione. Da dieci anni il Ministero dell’istruzione l’ha basata non sul fabbisogno espresso dalle Regioni ma sulle logiche dell’università e il risultato è che non troviamo specialisti, soprattutto per gli ospedali periferici. E allora, come è già accaduto in alcuni ospedali zonali, qualche reparto verrà chiuso per carenza di ortopedici, cardiologi, ginecologi”. 

“Abbiamo un contratto della dipendenza scritto con i criteri degli anni ‘70 - aggiunge Castelluccio - e quindi ben venga l’incentivo al medico che accetta di andare a lavorare a Stigliano, Tricarico, Tinchi e Policoro, purchè non lo si consideri, come fa la Franconi, esaustivo. In proposito l’allarme lanciato dalla Fials sulla possibile chiusura di pediatria e punto nascite a Policoro ha bisogno di smentite ufficiali e nette sempre da Montagano per non alimentare ulteriori tensioni. Esiste poi un’altra opzione, già adottata da diversi ospedali e consentita dalla legge. Un medico in età da pensione può lavorare un altro anno però senza retribuzione, solo con un rimborso spese e con l’opportunità di esercitare la libera professione”. 

“Ma la carenza di camici bianchi – conclude - è aggravata dalla fuga nel privato, che negli ultimi sei mesi ha visto il sistema pubblico lucano perderne già alcune decine. E il motivo non sono solo i soldi ma anche l’aumento dell’età media a 50-55 anni che rende più faticose guardie, pronte disponibilità festive e notturne, in crescita; carichi di lavoro insostenibili in violazione della legge sui riposi; la demotivazione e l’assenza di prospettive di carriera; l’utilizzo eccessivo e improprio dei procedimenti disciplinari; l’escalation di aggressioni e denunce da parte dei pazienti”.

L.C.




  

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Sanità, Perrino: evitare manovre azzardate

Per il consigliere M5s “alla Asm si procede ad una riorganizzazione del personale amministrativo che appare non supportata da motivazioni sufficientemente valide, né esplica i criteri adottati per la scelta del personale coinvolto”

SANITÀ, CASTELLUCCIO: MODIFICARE I TETTI DI SPESA

"Recepire prescrizioni dell’Autorità Garante della Concorrenza"

Assistenza agli studenti disabili, audizioni in quarta Ccp

Sui ritardi per l'attivazione di alcuni servizi per gli studenti...

Liste attesa, Castelluccio: dare corso a prescrizioni Agcm

Il consigliere regionale fa anche riferimento a quanto stabilito dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito ai tetti di spesa assegnati annualmente alle strutture sanitarie private accreditate