lunedì, 17 giu 2019 17:11

Vai all'archivio
Stampa Invia

Fondi sicurezza strade, Castelluccio: non accettabili tagli

22 dicembre 2018, 15:50

“Per la sicurezza della strade lucane, alcune delle quali ad alta pericolosità di incidenti, non ci sono soldi, per le buche delle strade di Roma ci sono 40 milioni”

(ACR) - “Sulla sicurezza dei lucani che viaggiano sulle strade della regione non si possono tollerare tagli di fondi statali destinati alla sicurezza e poi dirottati per coprire le buche secondo quanto prevede il maxiemendamento del Governo gialloverde con 40 milioni di euro da spendere subito nella capitale”. Lo sostiene il consigliere regionale Paolo Castelluccio sottolineando che “ancora una volta la statale 7 Appia tra le uscite di Matera e Matera La Martella si è confermata al pari della Potenza-Melfi una delle strade a maggiore pericolosità di incidenti”.

“I lucani devono sapere che la misura, contenuta in un emendamento al ddl bilancio presentato da M5s dichiarato inammissibile dalla commissione Bilancio – afferma Castelluccio - torna nella nuova versione corretta, nella bozza del maxiemendamento al ddl bilancio, che il governo ha presentato al Senato. «Al fine di fronteggiare l'emergenza della sicurezza stradale - si legge nel testo - è autorizzata l'assegnazione a Roma capitale di una dotazione finanziaria pari a 40 milioni di euro per l'anno 2019 e a 20 milioni di euro per l'anno 2020 per interventi di ripristino straordinario della piattaforma stradale della grande viabilità da eseguirsi con il concorso del ministero della Difesa, attraverso» l'Esercito”.

“Si pensa persino di utilizzare l’esercito a Roma per garantire la legittima sicurezza degli automobilisti ma – continua il consigliere - né legisti e né M5s pensano che lo stesso principio valga per le altrettante legittime esigenze della nostra regione. Qualcuno tra i parlamentari eletti in Basilicata nei due partiti dovrebbe spiegarlo. Purtroppo, la situazione politica con una Giunta regionale di fatto delegittimata ed un Consiglio regionale che si occupa solo di ordinaria amministrazione non ci aiuta nella necessaria interlocuzione con il Governo, il ministero Infrastrutture e l’Anas per rivendicare quanto ci spetta semplicemente per prevenire altri morti”.

“In tutto questo – conclude Castelluccio - c’è da segnalare che per le Province i finanziamenti disponibili sono sempre più limitati al punto che diventa difficile se non impossibile, a differenza di Roma, coprire le buche.

na

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Sblocca cantieri SS 106 Jonica, Castelluccio: buona notizia

“L’inserimento dell’arteria lucana tra le dieci priorità del Piano del Governo con 1miliardo 335 milioni di euro che sarebbero destinati ai lavori sulla 106 Jonica”

Stazione Ferrandina, Castelluccio: attuare interventi minimi

Per il consigliere occorre “ridare un minimo di funzionalità allo scalo ferroviario, garantendo soprattutto coincidenze di bus per Matera in linea con i treni e servizi per l’attesa”

Castelluccio: rendere produttive le royalties petrolifere

“Sarebbe stato sufficiente investire in infrastrutture una quota, anche solo il 20-25%, dell’ enorme cifra di 1,6 miliardi di euro che l’Eni in poco meno di 20 anni ha versato alla Basilicata per non ritrovarci oggi a ‘piangere sul latte versato’

BASENTANA, CASTELLUCCIO: SUBITO LO SPARTITRAFFICO

“Interventi commissariali per bypassare procedure lunghe”