lunedì, 17 giu 2019 16:42

Vai all'archivio
Stampa Invia

Stazione Ferrandina, Castelluccio: attuare interventi minimi

04 gennaio 2019, 09:30

Per il consigliere occorre “ridare un minimo di funzionalità allo scalo ferroviario, garantendo soprattutto coincidenze di bus per Matera in linea con i treni e servizi per l’attesa”

(ACR) - “In attesa che i lavori di riqualificazione della stazione ferroviaria di Ferrandina, ribattezzata Ferrandina-Matera perché l’unico accesso di Trenitalia più vicino a Matera, diventa urgente attuare interventi minimi perché l’odissea vissuta a Capodanno da una famiglia finlandese arrivata allo scalo per raggiungere tra grandi disagi la Capitale Europea della Cultura non si ripeta più”. Ad affermeralo è il consigliere regionale Paolo Castelluccio per il quale “non si può aspettare la primavera prossima, sempre che il cronoprogramma di lavori Rfi-Regione-Comune Ferrandina, ciascuno per la propria responsabilità, venga rispettato. Ridare un minimo di funzionalità allo scalo ferroviario, garantendo soprattutto coincidenze di bus per Matera in linea con i treni e servizi per l’attesa, non è un’impresa impossibile, a partire dalla sistemazione del piazzale all’uscita della stazione che è il vero più brutto biglietto da visita per chi deve raggiungere Matera. Anche per le informazioni ai passeggeri Trenitalia può fare di più e soprattutto fornire comunicazioni reali ed efficaci senza illudere i turisti stranieri di collegamento ferroviario o navetta-bus che non ci sono”.

Castelluccio chiama in causa “oltre a Rfi-Trenitalia la Regione e il Dipartimento Infrastrutture ricordando che i lavori programmati trovano finanziamenti nel Progetto Operativo Fers Basilicata 2014-2020 e saranno realizzati dalla sede di Bari di Rete Ferroviaria Italiana utilizzando la somma di un milione di euro assicurata dalla Regione Basilicata con la delibera n. 639 del 6 luglio scorso. Le novità sostanziali riguardano la canalizzazione delle acque piovane, l’ampliamento del piazzale esterno con potenziamento dell’illuminazione e con un parcheggio per 50 autovetture più area taxi e disabili, 4 stalli con pensiline per le fermate dei bus extraurbani e per le lunghe distanze, insieme al decoro della stazione storica e del nuovo padiglione, all’installazione di strumentazioni per comunicare l’andamento dei treni e altre informazioni. Inoltre, RFI e Regione Basilicata sin dai mesi scorsi hanno previsto nello scalo basentano l’attivazione del servizio assistenza ai viaggiatori con disabilità o limitata mobilità utilizzabile tutti i giorni dalle ore 6.45 alle 21.30 con personale specializzato e attrezzature adatte. Ci si augura che il Comune di Ferrandina che ha ottenuto dalla Commissione europea un finanziamento di centomila euro per allestire un punto di promozione turistica non si limiti a questo”.

“Nel riconoscere l’impegno dell’Associazione Matera Ferrovia Nazionale” per Castelluccio “è superfluo – conclude – insistere sul ruolo strategico della stazione di Ferrandina oltre che per il turismo per le attività imprenditoriali che la ZES Jonica dovrebbe promuovere”.




rn

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Sblocca cantieri SS 106 Jonica, Castelluccio: buona notizia

“L’inserimento dell’arteria lucana tra le dieci priorità del Piano del Governo con 1miliardo 335 milioni di euro che sarebbero destinati ai lavori sulla 106 Jonica”

Fondi sicurezza strade, Castelluccio: non accettabili tagli

“Per la sicurezza della strade lucane, alcune delle quali ad alta pericolosità di incidenti, non ci sono soldi, per le buche delle strade di Roma ci sono 40 milioni”

Castelluccio: rendere produttive le royalties petrolifere

“Sarebbe stato sufficiente investire in infrastrutture una quota, anche solo il 20-25%, dell’ enorme cifra di 1,6 miliardi di euro che l’Eni in poco meno di 20 anni ha versato alla Basilicata per non ritrovarci oggi a ‘piangere sul latte versato’

BASENTANA, CASTELLUCCIO: SUBITO LO SPARTITRAFFICO

“Interventi commissariali per bypassare procedure lunghe”