venerdì, 22 mar 2019 05:28

Vai all'archivio
Stampa Invia

Trivelle, Lacorazza: “M5s e Lega, gioco delle parti?”

11 gennaio 2019, 18:31

“No a mediazione che escluda il quesito su cui i lucani hanno votato nel 2016 sulla vita utile del giacimento e sulle concessioni senza limiti di tempo che sottraggono al pagamento del tasse e allo smontaggio delle piattaforme in mare i petrolieri”

(ACR) - “L’attacco dei parlamentari M5s Liuzzi e Cillis al senatore Pepe della Lega non convince abbastanza su due punti che ritengo segnalare all’attenzione dell’opinione pubblica lucana. Evitiamo la confusione ed attendiamo di leggere le norme”. E’ quanto dichiara il consigliere Piero Lacorazza che spiega: “Il primo punto è nel riferimento ai 36 permessi di ricerca/coltivazione di idrocarburi su mare e terra ferma. Parliamo di procedimenti in corso, proroghe o di titoli già rilasciati? Poiché, per esempio, il rischio risiede nel fatto che le norme interverrebbero dopo il rilascio dei tre permessi di ricerca nel Mar Ionio.
Per questo sarà necessario approfondire ed evitare che il ritardo o l’errore esponga le norme a contenziosi. Il secondo punto è relativo alla dichiarazione del Ministro Salvini: ‘ok a trivelle in mezzo al mare’. Non si comprende bene cosa significhi la frase ‘ok a trivelle in mezzo al mare’ se si pensa all’Adriatico, al Tirreno o allo Ionio, ‘mari chiusi’, in un Mediterraneo non oceanico”.

“Ricordiamo il disastro nel Golfo del Messico nel 2010; quale sarebbe l’impatto diretto ed indiretto di una eventuale perdita di petrolio sulla nostra economia del mare, ad esempio su quei balneari a cui è stata concessa qualche settimana fa una proroga per 15 anni per la gestione dei lidi? – si domanda Lacorazza -. Non torno sul Piano delle Aree o sulle questioni già segnalate e approfondite nel corso di questi anni grazie all’iniziativa referendaria promossa da dieci Regioni guidate dalla Basilicata”.

“Non vorrei – conclude Lacorazza - che tra M5s e Lega ci sia in atto un gioco delle parti per individuare una mediazione che escluda, per esempio, il quesito su cui i lucani in maggioranza hanno votato il 17 aprile 2016: quello sulla vita utile del giacimento e sulle concessioni senza limiti di tempo che sottraggono al pagamento del tasse ed allo smontaggio delle piattaforme in mare i petrolieri. Vedremo”.




rn

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Dissesto idrogeologico, Lacorazza: dare risposte ai sindaci

Per il candidato Presidente di Basilicataprima occorre "fare chiarezza sui programmi e sugli investimenti previsti per il Piano per la mitigazione del rischio idrogeologico e per il riequilibrio ambientale”

Elezioni, Lacorazza: evento social per scrivere il programma

Il candidato presidente per BASILICATAPRIMA sabato 2 febbraio, dalle 11.00 alle 15.00 incontra i sostenitori, gli amici e i critici in diretta sulla sua pagina Facebook per stilare insieme il programma sul futuro della Regione

Lacorazza: Destra disarmata, Lega e M5S fanno già danni

Per il consigliere regionale ecotassa, emendamento trivelle e impugnativa della legge sui rifiuti determinano impatti negativi per la Basilicata

ELEZIONI, LACORAZZA SI CANDIDA A PRESIDENTE DELLA REGIONE

Presentata la bozza del programma "BASILICATAPRIMA"