venerdì, 23 ago 2019 07:03

Vai all'archivio
Stampa Invia

CallMat, Leggieri: Regione convochi un tavolo con l’azienda

21 gennaio 2019, 14:10

“Ci troviamo di fronte alla mancanza di certezza sul futuro lavorativo di tantissime persone che finora non hanno avuto dall’azienda nessuna rassicurazione su quello che succederà dopo il 31 marzo 2019 quando scadrà la mono-commessa Tim”

(ACR) - “Come denunciato nei giorni scorsi dai rappresentanti sindacali dell’Usb la situazione dei lavoratori della CallMat di Matera, la più grande azienda di telecomunicazioni presente in Basilicata, si fa sempre meno chiara. Ci troviamo di fronte alla mancanza di certezza sul futuro lavorativo di tantissime persone che finora non hanno avuto dall’azienda nessuna rassicurazione su quello che succederà dopo il 31 marzo 2019 quando scadrà la mono-commessa Tim”. E’ quanto afferma il consigliere regionale del Movimento cinque stelle Gianni Leggieri.

“Come riportato dalla nota del sindacato – aggiunge - si apre una fase decisiva per la continuità e il rinnovo complessivo dell’azienda, ma nessuna comunicazione ufficiale è pervenuta ai lavoratori né dalla dirigenza né da parte delle Rsu. L’organizzazione sindacale di base ha palesato grande preoccupazione per il futuro e la tenuta occupazionale dei circa 400 dipendenti CallMat, più della metà assunti con contratto di apprendistato. La sede di Matera gestisce un’unica commessa della Tim, e qualora venisse meno metterebbe a rischio la continuità occupazionale. A tanto si aggiunga che da più di un anno non si hanno visite sul territorio da parte degli amministratori CallMat e dal 2016 non vi è stato alcun ripristino o sostituzione degli strumenti in dotazione ai lavoratori”.

“Il clima di incertezza sul futuro di migliaia di lavoratrici, lavoratori e delle loro famiglie – conclude Leggieri - è man mano andato crescendo. La CallMat srl deve assolutamente fare chiarezza circa l’eventuale proroga della mono-commessa Tim. La Regione Basilicata convochi immediatamente un tavolo con l’azienda e i rappresentanti sindacali per impedire perdite di posti di lavoro”.

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Ferrosud, Cifarelli: indispensabile convocazione al Mise

Per il capogruppo del Pd “non possiamo rassegnarci all’idea che tutto si risolva ricorrendo al mero trasferimento al nord (tanto per cambiare) di commesse e lavoratori”

OCCUPAZIONE, VIZZIELLO: BASILICATA IN AFFANNO

“Rimettere le imprese al centro dell’agenda politica regionale”

Economia, Braia: sinergie pubblico/privato per lo sviluppo

“Istituire un tavolo regionale che metta insieme i mondi...

Leggieri: Aql, altra pesante eredità del passato governo

Il consigliere regionale M5s: “Acquedotto lucano vuol pagare i suoi debiti con l’aumento delle tariffe? un’altra pesante eredità della vecchia amministrazione. Bardi dia segnali di discontinuità”. Interrogazione per chiedere i motivi dell’aumento