martedì, 20 ago 2019 03:15

Vai all'archivio
Stampa Invia

Continuità assistenziale, Lacorazza: bene revoca delibere

25 gennaio 2019, 09:40

“Si determina un atto di giustizia e si riafferma un principio di prossimità territoriale di servizio sanitario indispensabile per le caratteristiche della nostra regione”

(ACR) - “Con la revoca delle delibere di blocco delle indennità dei medici di continuità assistenziale si determina un atto di giustizia e si riafferma un principio di prossimità territoriale di servizio sanitario indispensabile per le caratteristiche della nostra regione. Già dalla manifestazione di protesta dei medici dinnanzi la Regione ho messo la faccia per mantenere un dialogo che nel corso di questi lunghi mesi si è rafforzato senza mai mollare rispetto agli obiettivi che ci si era posti. Un ringraziamento ai medici che con pazienza e anche responsabilità hanno atteso giustizia. Per tutto questo esprimo la mia soddisfazione”. E’ quanto ha dichiarato il consigliere regionale Piero Lacorazza.

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Carenza medici, Vizziello: in estate a rischio presidi

Per il consigliere di FdI “la responsabilità dei mancati investimenti in risorse umane imputabile ai precedenti governi di centro sinistra che, incuranti delle pessime condizioni lavorative personale sanitario, si sono rifiutati di effettuare assunzioni”

Intramoenia: interrogazione di Braia, Cifarelli e Polese

Sui problemi della sanità pubblica e dei medici ospedalieri “siamo alla confusione totale”, affermano i tre esponenti del centrosinistra che annunciano il ricorso all’attività ispettiva sulle scelte adottate al San Carlo di Potenza

Specialistica ambulatoriale, si ai tetti di spesa 2019_2020

25,7 milioni di euro all’anno per le prestazioni rese ai residenti, 2,8 per quelle destinate ai non residenti e 400 mila euro nel biennio per le prestazioni aggiuntive. Audizione sulla terapia di neuropsicomotricità svolta presso l’ospedale San Carlo

SANITÀ, LACORAZZA: SBLOCCARE IL TURN OVER

“Serve un emendamento alla legge di stabilità dello Stato”