venerdì, 23 ago 2019 06:31

Vai all'archivio
Stampa Invia

Il Consiglio regionale celebra “Il Giorno del ricordo”

11 febbraio 2019, 15:40

Si è svolta a Melfi, presso l’Istituto “Gasparrini”, la manifestazione per rinnovare la memoria della tragedia delle vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra

© 2013 - Un momento della manifestazione

© 2013 - Un momento della manifestazione

(ACR) - Si è svolta oggi, a Melfi, nell’ambito del “Percorso sulla memoria”, la manifestazione promossa dal Consiglio regionale della Basilicata in occasione del “Giorno del ricordo”, per rinnovare la memoria della tragedia delle vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

A riflettere su questa pagina buia della storia italiana, gli studenti dell’Istituto “Gasparrini” e dell’Istituto “Righetti” di Melfi che, insieme a rappresentanti delle istituzioni e del mondo della scuola, hanno omaggiato le vittime delle foibe, quelle cavità naturali che esistono nella regione del Carso e che sono diventate la tomba per circa diecimila civili italiani tra il 1943 e il 1945.

Due i lavori presentati dagli studenti, il primo, a cura degli alunni dell’Istituto “Gasparrini”, ha ripercorso la storia di Norma Cossetto, una studentessa istriana, che dopo essere stata catturata e imprigionata dai partigiani slavi venne lungamente seviziata e violentata per poi essere uccisa nei pressi della foiba di Villa Surani. Gli studenti dell’Istituto “Righetti” hanno, poi, focalizzato l’attenzione sulla vicenda di Giuseppe Comand, uno degli ultimi testimoni oculari del recupero delle salme degli italiani infoibati, riportando i suoi dolori, le sue riflessioni e le sue emozioni. Tracce indelebili e dolorose che lo hanno accompagnato per tutta la vita. 

A corredo degli interventi il video “Foibe, doveroso ricordare”, a cura dell’ufficio stampa del Consiglio regionale che, in apertura dei lavori, ha reso omaggio alle vittime delle foibe e ha evidenziato le diverse iniziative messe in campo dal Consiglio regionale, durante gli ultimi anni, con l’intento di far memoria affinché non ci siano più violenze di nessuna misura e che sempre vi sia alla base di ogni agire umano la comprensione e il rispetto, pilastri della vera democrazia. “La violenza ha sempre la stessa faccia. Ricordati di Ricordare” è, invece, il titolo del video proposto dagli studenti del “Gasparrini”, sezione alberghiero con il quale si sono riproposte diverse immagini delle guerre che ancora oggi angosciano tante comunità in ogni angolo del mondo.

Onorare la memoria, è stato da più parti ribadito, è un dovere a cui nessuno deve sottrarsi ed è compito delle istituzioni far sì che queste manifestazioni non abbiano solo il carattere delle ricorrenze  ma producano opportunità di incontro, studio e riflessione al fine di ancorare al rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo ogni azione futura.

rn

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

GIOVANI IN_FORMATI, STUDENTI COME GIORNALISTI

A Potenza e Matera le tappe conclusive del progetto

“Giovani In_Formati”, Cicala: positivo entusiasmo studenti

A Potenza la tappa conclusiva del progetto, promosso dal Consiglio...

“Shoah e Foibe, momento di riflessione contro la violenza”

Il presidente Vito Santarsiero ha presentato le manifestazioni...

L’ambiente nell’ordinamento italiano, Pace ne parla a Melfi

Il consigliere ha introdotto i lavori del convegno “L'ambiente nell'ordinamento italiano: storia, diritto ed economia” tenutosi sabato 6 ottobre