mercoledì, 22 mag 2019 04:41

Vai all'archivio
Stampa Invia

Ufficio Bardi, M5s: “Allargamento spropositato”

14 maggio 2019, 17:03

Per Perrino, Leggieri e Giorgetti “dalla sequela di atti e dichiarazioni che si stanno succedendo negli ultimi giorni ci risulta davvero difficile comprendere la natura del cambiamento di cui questo nuovo governo regionale ha fatto la sua bandiera”

(ACR) - “Dalla sequela di atti e dichiarazioni che si stanno succedendo negli ultimi giorni ci risulta davvero difficile comprendere la natura del cambiamento di cui questo nuovo governo regionale ha fatto la sua bandiera. Prima le dichiarazioni del neo presidente del Consiglio Cicala sulle presunte potenzialità del petrolio, poi la solita spartizione di poltrone in base ai mal di pancia della coalizione e in ultimo il provvedimento emesso dal presidente Bardi relativamente alla potenziale composizione del suo ufficio”.

Lo affermano i consiglieri regionali del M5s, Gianni Perrino, Gianni Leggieri e Gino Giorgetti che aggiungono: “Sarà difficile trovare spazio per tutta quella gente all’interno dei palazzi di Via Verrastro dato che tra consulenti, consiglieri e collaboratori si potrebbero superare le 60 unità”.

“Un’infornata – continuano - che farebbe impallidire i fasti del precedente governo regionale che si spinse ad allargare le postazioni degli uffici di presidenza della Giunta e del Consiglio con un emendamento piazzato alla ‘chetichella’ alle 3 del mattino durante una maratona di bilancio. Tutto questo in attesa di vedere concretizzato un altro annuncio del presidente Bardi ovvero quello sulla nuova figura del sottosegretario, per il quale sarà finanche costretto a cambiare lo Statuto regionale”.

“Non ci resta – concludono - che sperare che la totalità dei potenziali incarichi che il presidente intende conferire avvenga a titolo onorifico e gratuito così come è previsto nel decreto per quanto riguarda la figura del consigliere del presidente. Un’ultima osservazione va fatta sulla opportunità di allargare in maniera così spropositata l’ufficio di presidenza. Quali le motivazioni alla base di questa mossa? Siamo di fronte alle solite sistemazioni post elettorali? Senza dimenticare che un numero così alto di personale potrebbe rendere ancora più dispendiosa e complessa la gestione della macchina amministrativa. Bardi pensa di risolvere il problema della disoccupazione in questo modo”? 

lc

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Querela Adorisio, Perrino: “Archiviato procedimento”

“Continuerò a svolgere le mie funzioni di consigliere regionale con ancor più vigore anche in questa legislatura”. Lo afferma il consigliere M5s riferendosi all’indagine a suo carico per diffamazione in merito a una interrogazione su Tfr Ater Matera

CONSIGLIO, CARIELLO: È IL MOMENTO DEL CENTRODESTRA

“Bocciato il sistema politico della Basilicata in questi anni”

Prima riunione dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio

Ad una settimana dalla prima riunione dell’assemblea consiliare,...

Grandinate metapontino, Perrino: coltivazioni compromesse

ll consigliere del M5s: “Vigileremo affinché il governo regionale dia seguito a quanto annunciato in queste ore dal neo assessore all’agricoltura, Francesco Fanelli”