mercoledì, 26 giu 2019 21:13

Vai all'archivio
Stampa Invia

Anomalie pozzo San Fele, interrogazione di Leggieri

11 giugno 2019, 16:33

Al presidente Bardi e all’assessore Rosa, il consigliere di M5s chiede quali azioni si intendono porre per capire la ragione di quanto successo e per tutelare la salute dei cittadini che vivono nelle zone interessate

(ACR) - “Come sottolineato spesso da tanti studiosi ed esperti del settore ambientale i pozzi di petrolio dismessi e abbandonati rappresentano un enorme pericolo per l’ambiente e la salute dei cittadini. Purtroppo, è una tematica di cui  pochi si  preoccupano e che, sfortunatamente,  in Basilicata è largamente sottovalutata e spesso del tutto addirittura ignorata, ma che può avere conseguenze devastanti sull’ambiente e sulla salute umana”. Lo afferma il consigliere regionale di M5s, Gianni Leggieri, precisando che “A seguito della segnalazione relativa alle anomalie riscontrate nell’area del Pozzo San Fele 1 presentata da alcuni attivisti del Movimento Cinque Stelle di San Fele, a cui ha fatto seguito un sopralluogo della professoressa Colella, ho presentato un’interrogazione rivolta al Presidente della Giunta, Vito Bardi e all’assessore all’Ambiente, Gianni Rosa, per sapere se gli uffici regionali siano a conoscenza della situazione in cui versa l’area del pozzo San Fele 1, quali azioni si intendano porre  per capire le ragioni di questa situazione anomala, quali azioni si intendano mettere in atto per tutelare la salute dei cittadini che vivono nelle zone interessate, se Arpab e Ispra stiano procedendo al controllo e alla messa in sicurezza di tutti i pozzi esplorativi presenti sul territorio lucano”.
“Come riportato della testata giornalistica online ‘Basilicata24’- sottolinea Leggieri -  poco a valle del pozzo petrolifero abbandonato, e non bonificato, ‘San Fele 1’ e in un’area con sorgenti adibita a pascolo di bestiame, recentemente è apparsa un’anomala area con erba secca bianca che lascerebbe pensare alla fuoriuscita dal sottosuolo del velenoso idrogeno solforato a seguito della riattivazione di una frana. A segnalarlo è Albina Colella, professore ordinario di Geologia all’Università della Basilicata. Oltre a segnalare la situazione anomala la professoressa Colella ha suggerito una ipotesi sulla sua genesi, che è comunque da verificare. In pratica, l’erba potrebbe essere stata disseccata in seguito a un’emissione di gas dal sottosuolo (probabilmente di idrogeno solforato), favorita dal movimento franoso e dallo sviluppo di fratture nel terreno che hanno costituito una via di fuga del gas fino in superficie”.
“Richiedo pertanto un intervento celere da parte delle Istituzioni e delle Autorità preposte – conclude il consigliere – al fine di verificare quello è accaduto e sta accadendo nell’area del pozzo, per metterlo in sicurezza, tutelando la salute di cittadini che vivono in quelle zone”.

na

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

III Commissione, Quarto illustra modalità organizzazione

All’ordine del giorno una comunicazione del presidente sul metodo di...

Braia e Cifarelli: evitare chiusura psichiatria a Matera

Dopo gli incontri svolti oggi a Matera i consiglieri regionali sperano “che si possa garantire che il primo luglio prossimo il servizio sia svolto comunque in entrambi i presidi” ed auspicano l’apertura di un tavolo sulla riorganizzazione del servizio

Potenza, Blasi: auguri alle donne consigliere e assessore

La presidente della Commissione regionale pari opportunità commenta positivamente la presenza delle donne in Consiglio e nel nuovo esecutivo cittadino

AUTONOMIA REGIONI, TREROTOLA: PERCORSO SIA CONDIVISO

“La mozione di Braia importante per l’avvio del confronto”

SAN FELE-CANADA BAY, CICALA: 35 ANNI DI AMICIZIA

“Rinnoviamo con emozione l’abbraccio tra le due comunità”

SAN FELE-CANADA BAY: AMICIZIA E RISPETTO

Una cerimonia per riaffermare il patto di cooperazione