domenica, 21 lug 2019 15:12

Vai all'archivio
Stampa Invia

Sanità, Acito: bene nuova programmazione

20 giugno 2019, 08:41

Il consigliere di Forza Italia commenta positivamente l’intervento dell’assessore Leone in merito alla gestione del nosocomio materano

(ACR) - “In questi giorni vige, in Basilicata, un acceso dibattito sul tema della sanità. L’assessore Rocco Leone ha avviato una nuova programmazione regionale che punta a rileggere, in chiave performativa, l’intero comparto, e che nello specifico punta a mettere l’ospedale Madonna delle Grazie di Matera ‘nella condizione di valorizzare le eccellenze che operano nel presidio’. Il territorio ha bisogno di veder finalmente valorizzato un presidio ospedaliero che, oggi, deve puntare a diventare un vero punto di riferimento e di eccellenza”.

Così il consigliere regionale Vincenzo Acito (Forza Italia Berlusconi per Bardi) commenta la vicenda sanità in Basilicata e, in particolare, il tema della gestione del nosocomio materano.

“L’alto indice di migrazione sanitaria ed una spesa pubblica sproporzionata rispetto ai risultati raggiunti – dice - raccontano di una sistema sanitario regionale inefficiente, che va ora assolutamente razionalizzato, e questo compito difficilissimo spetta all’assessore Leone, che se ne è fatto carico immediatamente, attirando sul suo operato gli attacchi di chi, negli anni passati, nulla ha fatto per invertire la tendenza di un sistema sanitario allo sbando”.

“E’ al vaglio – continua - un nuovo Piano regionale della salute e dei servizi alla persona, che parte da un attento e capillare lavoro di razionalizzazione di risorse e competenze, e che dovrà necessariamente tener conto delle esigenze e della salute dei cittadini. Il documento sarà il frutto di un lavoro aperto di analisi e confronto, all’interno del Consiglio regionale, ma anche di dialogo con le forze sociali, sindacali e professionali e con tutti i territori, per definire i contenuti specifici delle azioni corrette e mirate da intraprendere. Il nuovo piano sanitario potrà eventualmente essere valutato solo a fronte di una sua forma definitiva, e sarà sicuramente, anche allora, oggetto di eventuali emendamenti che possano venire da un confronto pubblico”.

“Ogni altro tipo di valutazione che si basa sul ‘processo alle intenzioni’ – conclude Acito - assume il netto contorno della demagogia e della strumentalizzazione politica, specie se i censori sono gli stessi responsabili, direttamente o come componenti della classe politica dominante negli ultimi 25 anni, che hanno provocato le macerie in cui si trova il sistema Basilicata, non solo sotto il profilo sanitario”.

lc

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

NOMINE AL SAN CARLO, INTERROGAZIONE DI CIFARELLI

“Urge un chiarimento da parte del presidente Bardi”

Ex clinica Luccioni, Bellettieri:svolta attesa e necessaria

Il consigliere regionale di Forza Italia parla di “apertura di un nuovo orizzonte che continueremo a seguire con la massima attenzione, affinchè l’impegno di questa compagine societaria a riassumere i nostri lavoratori si concretizzi in tempi rapidi”

Sanità, liste di attesa. Perrino: ancora tempi biblici

Il consigliere del M5s chiede “come ci si sta muovendo sul piano delle liste di attesa” e presenta una interrogazione “per conoscere come il Governo regionale intende garantire il rispetto dei tempi massimi di attesa previsti dal Pngla”

Nomina direttore sanitario San Carlo, Leggieri esprime dubbi

L’esponente M5s: “Il nostro obiettivo è migliorare la sanità e per far ciò dobbiamo spezzare il legame tra politica e manager e far sì che i manager ringrazino un concorso e non un politico”