domenica, 21 lug 2019 15:16

Vai all'archivio
Stampa Invia

Pari opportunità, Blasi: “Tanta disparità e pochi servizi”

12 luglio 2019, 15:07

La presidente della Crpo evidenzia che “l’Italia è al 70esimo posto nel Global Gender Gap. Una programmazione di azioni valide per la crescita della società lucana non può e non deve cedere all'assistenzialismo”

(ACR) - “E' difficile essere donne in Italia tra tanta disparità e pochi servizi. Non è un caso che l'Italia si trovi al 70esimo posto su 149 Paesi presi a riferimento dal Global Gender Gap Report del 2018, con una preoccupante situazione nel Mezzogiorno”. Lo sottolinea la presidente della Commissione regionale pari opportunità Angela Blasi. A suo parere si tratta di una disparità “che riguarda principalmente il lavoro e la salute. Sono talmente impegnate da trascurare se stesse perché le donne quando hanno un lavoro devono barcamenarsi per mantenerlo, conciliando i tempi di vita e di lavoro. Un'asimmetria di genere che deve essere superata coordinando tutte le azioni positive riguardanti le politiche paritarie”.

Per la presidente della Crpo “la politica ha da sempre sottovalutato le difficoltà in cui imbattono le donne per gestire la loro vita e quella di chi hanno accanto. Occorre moltiplicare le occasioni e gli spazi utili ad un confronto sui temi economici e sociali e su come utilizzare al meglio risorse e strumenti disponibili in Regione e se necessario amplificarli. Ben vengano iniziative come ‘Valore donna’, proposta dall'assessore alle Attività produttive Cupparo, che prevede l'erogazione di un contributo economico (voucher) per consentire alle donne lavoratrici di disporre di risorse utili per sostenere le necessità remunerative di chi possa svolgere gli stessi ruoli di cura al posto loro. Una programmazione di azioni valide per la crescita della società lucana non può e non deve cedere all'assistenzialismo, ma deve promuovere il benessere di donne e uomini in maniera progettuale e continuata. Sarebbe utile che la Regione riprendesse ed utilizzasse al meglio gli strumenti validi già esistenti quale l'Osservatorio contro la violenza di genere (legge regionale n. 26 del 2007), che ha la finalità di prevenire e contrastare tali fenomeni sull'intero territorio ed il fondo di solidarietà a favore di donne e minori vittime di violenza di genere”.

“La Commissione pari opportunità – conclude Blasi - è luogo di confronto permanente per le culture e le esperienze femminili più significative della Basilicata, nell’intento di assicurare la piena realizzazione delle finalità della Costituzione sulle pari opportunità, ed è pronta a dare il suo contributo e a vigilare perché le politiche regionali siano attente alle dinamiche di genere”.

Redazione Consiglio Informa

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Potenza, Blasi: auguri alle donne consigliere e assessore

La presidente della Commissione regionale pari opportunità commenta positivamente la presenza delle donne in Consiglio e nel nuovo esecutivo cittadino

Giunta regionale, Blasi e Pipponzi scrivono a Vito Bardi

La presidente Crpo e la consigliera regionale di Parità al Presidente della Regione: “In previsione della formazione della Giunta Regionale ci sentiamo in dovere di rivendicare la necessità di una rappresentanza di genere all'interno della stessa”

Blasi: “Serve rieducazione fondata sul rispetto”

La presidente della Commissione pari opportunità è intervenuta ad un incontro in occasione del trentennale della associazione Telefono donna

FORUM AMMINISTRATRICI E DONNE ELETTE A POTENZA

La Crpo presenta campagna pubblicitaria “Fai la differenza”