lunedì, 23 set 2019 17:23

Vai all'archivio
Stampa Invia

Nomina direttore sanitario San Carlo, Leggieri esprime dubbi

12 luglio 2019, 17:26

L’esponente M5s: “Il nostro obiettivo è migliorare la sanità e per far ciò dobbiamo spezzare il legame tra politica e manager e far sì che i manager ringrazino un concorso e non un politico”

(ACR) - “La nomina del neo direttore sanitario Rosario Sisto da parte del direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo, Barresi, desta tante perplessità e lancia segnali tutt’altro che confortanti per quanto riguarda la sanità lucana, già scossa esattamente un anno fa dalle note vicende di Sanitopoli”. Lo afferma il consigliere Gianni Leggieri (M5s) che aggiunge “Giova ricordare che il dott. Sisto è iscritto nell’elenco dei soggetti abilitati predisposto dalla regione Campania. Ci si muove dunque lungo una strada che mortifica le professionalità dei lucani. Infatti, anche il direttore amministrativo dell’Aor San Carlo di Potenza, Maria Acquaviva è stata nominata alla fine dello scorso giugno, attingendo da un elenco di idonei della regione Calabria. Lo stesso Massimo Barresi è stato nominato in pieno regime di prorogatio lo scorso 28 dicembre dalla precedente giunta regionale, questo vuol dire che avrebbe dovuto emanare soli atti di ordinaria amministrazione e quelli indifferibili e urgenti. Evidentemente le nomine di Acquaviva e Sisto non rientrano tra queste tipologie di atti”.

“Tra le numerose prese di posizione sulla vicende delle nomine di Sisto e Acquaviva – prosegue l’esponente M5s - spicca e sorprende non poco quella del consigliere regionale ed ex assessore Roberto Cifarelli del Pd, il quale si dice scandalizzato dalle scelte effettuate dal Barresi. Proprio Cifarelli che è stato protagonista di una delle giunte più disastrose, che hanno portato alle vicende più tristi per la sanità lucana. Già all’indomani della nomina del dott. Barresi, avevo espresso le mie perplessità su questa operazione chiedendo fermamente che non vi fossero più nomine in regime di prorogatio e con un presidente di Regione, Pittella, sottoposto al divieto di dimora per la vicenda Sanitopoli. Dopo gli scandali dei mesi passati, tutte queste vicende minano ancor di più il rapporto di fiducia tra cittadini e sanità lucana”.

“Il nostro obiettivo – conclude Leggieri - è migliorare la qualità della vita in una regione come la Basilicata, il che significa prima di tutto migliorarne la sanità. Per far ciò dobbiamo spezzare il legame tra politica e manager e far sì che i manager ringrazino un concorso e non un politico”.

rn

Commenta la notizia

Per poter commentare i contenuti devi essere registrato a Consiglio Informa.
Se sei già nostro utente ACCEDI altrimenti REGISTRATI

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

Neonatologia, Polese: serve responsabilità

Per il vice presidente del Consiglio regionale “il presidente Bardi e la Giunta regionale sapevano da giugno della chiusura dell'unità di terapia intensiva del San Carlo e della conseguente sospensione del servizio di trasporto di emergenza neonatale”

Audizione Barresi, Braia: “Leone sapeva delle nomine”

“Maggioranza divisa e confusa mentre la sanità attende”. A quattro mesi dall’insediamento, dopo aver denigrato tutto piuttosto che avanzare con proposte i ragionamenti stanno sempre su altro”

Crob, Leggieri: salvaguardare il ruolo di Irccs

Il consigliere regionale M5s: “Lavoreremo affinché il Crob veda confermato, nel 2020, il suo status di Istituto a carattere scientifico”

SAN CARLO, BALDASSARRE: GIUDICARE I FATTI

“Valutare l’operato e non la provenienza di Barresi”