venerdì, 31 mar 2023 04:38

Vai all'archivio
Stampa Invia

Terapia intensiva neonatale, interrogazione Perrino

22 agosto 2019, 12:36

Il consigliere regionale del M5s chiede quali provvedimenti urgenti si intendano porre in essere per garantire l’immediata ripresa dei servizi

(ACR) - “I segnali fortemente preoccupanti dello stato di salute della sanità lucana trovano conferma con la chiusura improvvisa della terapia intensiva neonatale al San Carlo di Potenza. Ancora una volta il diritto alla salute passa in secondo piano e, questa volta, a farne le spese sono i neonati prematuri e i loro genitori sballottati verso altri ospedali fuori regione”.

E’ quanto afferma il consigliere regionale del M5s, Gianni Perrino che con una interrogazione chiede al presidente della Giunta e all’assessore alla salute quali atti e/o provvedimenti urgenti intendano porre in essere, rispettivamente per garantire l’immediata ripresa, senza soluzione di continuità, dei servizi di terapia intensiva Utin e Sten (unitamente alle restanti terapie, cure e assistenza sanitaria) prestate dal reparto di neonatologia dell’Aor San Carlo di Potenza; di verificare se la competente direzione aziendale dell’Aor San Carlo di Potenza abbia provveduto ad espletare i controlli previsti dalla legge sulle assenze del personale medico giustificate da malattia o, nel caso di assenze dettate da altra e diversa motivazione, ad acquisire idonea documentazione giustificativa dell’assenza; di verificare se la direzione aziendale (e/o sanitaria) abbia (abbiano) adeguatamente programmato i carichi di lavoro e l’attività dell’oggettivato reparto nell’ottica di garantirne la continuità operativa anche nel corso dei mesi estivi, tenendo in debito conto del periodo feriale e della conseguente indisponibilità di una consistente parte del personale medico in servizio.

“Oggi – dice Perrino - la stampa locale ci elenca differenti retroscena: già a giugno, il direttore generale Barresi, aveva messo in guardia la Regione sulla carenza di neonatologi e su possibili ripercussioni sulla continuità del servizio; dal canto suo, l’assessore Leone getta ombre sui 5 medici in malattia, ricordando un recente concorso per primario di neonatologia vinto dal dott. Sisto, che avrebbe causato non pochi malumori tra gli altri partecipanti”.

“Una situazione – continua - in ogni caso vergognosa che merita una soluzione in tempi rapidi. La terapia intensiva neonatale è fondamentale nel sistema di assistenza materno-infantile e questa chiusura lascia completamente sguarnita l’intera regione di questo servizio. Inoltre, secondo voci ancora non confermate, determinerebbe la sospensione altresì dello Sten (servizio trasporto emergenza neonatale), servizio che dalla Società italiana di neonatologia è ritenuto ‘fondamentale’ nell’ambito del sistema di assistenza materno-infantile”.

“Non ci presteremo alla rissa alimentata sia dalla maggioranza che dall’opposizione di centrosinistra – conclude Perrino - così come condanniamo le presunte faide in atto tra il personale medico. Vogliamo semplicemente che questa situazione venga chiarita al più presto in Consiglio regionale da parte dell’assessore Leone. La salute dei neonati indifesi e la serenità delle loro famiglie vengono prima di qualunque becera speculazione politica”.

lc

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

OSPEDALE SAN CARLO, LEGGIERI: “SITUAZIONE CRITICA”

“Servono non solo posti letto ma medici e infermieri”

Asm, interrogazione Perrino su ausili a disabili

Il consigliere regionale del M5s chiede a Bardi e Leone i motivi dei malfunzionamenti nelle operazioni di fornitura dei dispositivi protesi

Terapia neonatale, Polese: da una emergenza all’altra

Per il vice presidente del Consiglio regionale, che preannuncia una interrogazione, “si fa fatica a seguire l’elenco di tutti i ‘disastri’ che questo governo regionale, sostenuto dai leghisti del sud, ha compiuto in pochi mesi di legislatura”

Presidi cura materani, Perrino: "Gestione sconcertante"

“I saldi estivi applicati all’assistenza sanitaria dei presidi ospedalieri di Matera e Policoro”. Così il consigliere di M5s nel commentare una nota diramata dall’Asm sulla rimodulazione delle attività per garantire le ferie al personale