giovedì, 9 feb 2023 12:46

Vai all'archivio
Stampa Invia

Referendum legge elettorale, M5s: la Lega fa propaganda

24 settembre 2019, 18:48

I consiglieri regionali Perrino, Leggieri e Giorgetti: “I diktat del capitano e le richieste di referendum last minute denotano tutta la debolezza della maggioranza Brancaleone di Vito Bardi”

(ACR) - “Evidentemente non si sono ancora esauriti i sintomi post sbronza da mojito con annessi colpi di sole che hanno colpito il capitano Salvini”.

E’ quanto asserito dai consiglieri regionali del Movimento cinque stelle, Giovanni Perrino, Gianni Leggieri e Gino Giorgetti.

“L’ultimo – dicono i consiglieri M5s - è quello sul referendum abrogativo della quota proporzionale dalla legge elettorale ai sensi dell’articolo 75 della Costituzione, attraverso la deliberazione di almeno cinque Consigli regionali. Lasciando per un attimo da parte l’opportunità ed il merito della richiesta referendaria, è evidente lo spregio e la scarsa considerazione che la Lega ha delle istituzioni. Far pervenire una richiesta di una portata del genere ad una manciata di giorni dal termine previsto dalla legge n. 352 del 1970 che  determina le modalità di attuazione del referendum abrogativo, denota quantomeno una mancanza di strategia politica a medio - lungo termine, nonché la volontà di creare scompiglio con l’unico scopo di fare propaganda”.

“Tanto per evidenziarlo nuovamente agli adepti di Pontida, la legge n. 352 del 1970 prevede che le richieste di referendum vengano depositate in ciascun anno soltanto dal 1º gennaio al 30 settembre. Non paghi del ritardo massimo e dei tempi strettissimi – dicono Perrino, Leggieri e Giorgetti - i leghisti in salsa lucana, forse sollecitati da qualche chiamata dal sottufficiale di Tolve, hanno deciso di rinviare la discussione al prossimo venerdì 27 settembre, convocando una seduta ad hoc. Molto probabilmente ai lucani che chiedevano il cambiamento interesserà poco la discussione sulla legge elettorale nazionale, ma tant’è”.

“Speriamo che al più presto – concludono Perrino, Leggieri e Giorgetti - si ritorni a parlare di problemi seri e a dare risposte ai cittadini, piuttosto che piegarsi ai diktat di qualche stratega accampato sulle rive settentrionali del Po”.

dt

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player

contenuti correlati

BONUS GAS, LEGGIERI: TANTI NON LO HANNO RICEVUTO

Il consigliere del M5s annuncia la presentazione di una...

Consiglio regionale, M5s chiede la revoca della convocazione

I consiglieri regionali M5s: “La seduta consiliare di domani è una vera e propria forzatura del regolamento del Consiglio regionale”. Presentata la richiesta di revoca della convocazione

Convocazione Consiglio, Centro sinistra: è inaccettabile

Per i consiglieri Cifarelli, Polese, Trerotola, Pittella e Braia “è evidente oggi la forzatura di Statuto e regolamento dell’Assemblea laddove siano invocate ragioni di straordinarietà per una seduta assolutamente ordinaria”

Legge elettorale, Baldassarre: maggioritario scelta migliore

“Siamo convinti che una legge elettorale di tipo maggioritario sia forse la scelta migliore per dare certezza di governabilità ma, soprattutto, per essere trasparenti con l’elettorato e far chiarezza tra vincitori e vinti”